Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Gionata De Vico » 3.Fenomeni regressivi: le Degenerazioni; Degenerazioni intracellulari.


Degenerazioni

Condizioni patologiche caratterizzate dall’accumulo nella cellula o negli spazi interstiziali di sostanze che normalmente non vi sono contenute o che vi sono contenute in quantità non apprezzabili morfologicamente con i normali metodi istochimici.

Criteri classificativi:

  • Tessuto in cui prendono origine
    • renali, epatiche, muscolari;
  • Sede dell’accumulo
    • intracellulare o extracellulare;
  • Tipo di accumulo
    • idrico, lipidico, proteico, glucidico;
  • Organuli coinvolti
    • lesioni mitocondriali, lisosomiali ecc…

Degenerazioine albuminoidea o Rigonfiamento torbido

SEDE: intracellulare;

METABOLISMO COINVOLTO: proteico e idrico;

ORGANULO LESO: mitocondrio;

ORGANI PIU’ COLPITI: fegato, rene, miocardio.

Teleosteo: fegato normale 20X, E.E.. (foto prof. G. De Vico).

Teleosteo: fegato normale 20X, E.E.. (foto prof. G. De Vico).

Teleosteo, fegato: rigonfiamento torbido, 40X, E.E.. (foto prof. G. De Vico).

Teleosteo, fegato: rigonfiamento torbido, 40X, E.E.. (foto prof. G. De Vico).


Degenerazioine albuminoidea o Rigonfiamento torbido (segue)

La degenerazione albuminoidea è una degenerazione ACUTA e nella maggior parte dei casi reversibile. Le cause sono rappresentate da Stati tossici e Tossico-infettivi acuti. Nelle cellule lese, i mitocondri sono rigonfi ed alterati (Cristolisi), il che comporta dissociazione della fosforilazione ossidativa ed alterazione del metabolismo energetico e delle pompe ioniche di membrana. Ne risulta assunzione di acqua da parte della cellula e conseguente rigonfiamento.

Se le cause perdurano si passa alla degenerazione granulograssa ed infine alla steatosi.

Steatosi

Processi degenerativi caratterizzati dall’accumulo nelle cellule di lipidi.

Assumono denominazione diversa a seconda del lipide che si accumula:

Nome Steatosi → Tipo Lipide accumulato

Steatosi p.d. → Trigliceridi

Fosfolipidosi → Fosfolipidi

Sfingolipidosi → Sfingolipidi

Colinesterosi → Colesterolo

Steatosi propriamente detta

SEDE: intracellulare.

METABOLISMO COLPITO: Trigliceridi.

ORGANULO LESO: R.E.R.

ORGANI PIU’ COLPITI: Fegato, rene, miocardio
Si presentano lucenti, giallastri, friabili.

Teleosteo: fegato, steatosi. I vacuoli negli epatociti sono otticamente vuoti (Foto Prof. G. De Vico).

Teleosteo: fegato, steatosi. I vacuoli negli epatociti sono otticamente vuoti (Foto Prof. G. De Vico).


Steatosi: Meccanismi Patogenetici

Steatosi da aumentato apporto:
A causa di esagerato assorbimento di lipidi a livello intestinale o di aumentata mobilizzazione di NEFA dalle riserve adipose (ansia, freddo, shock, traumi) giungono al fegato quantità di trigliceridi superiori alla capacità di metabolizzazione della ghiandola.

Steatosi da diminuito smaltimento:
A causa di danni epatici la sintesi di lipoproteine può essere diminuita con conseguente blocco del rilascio ematico di trigliceridi ed accumulo intracellulare.

Steatosi propriamente detta

Il fegato è l’organo più frequentemente colpito da steatosi per vari motivi:

  1. Ruolo centrale nel ciclo dei trigliceridi e nella sintesi delle lipoproteine;
  2. Particolare vascolarizzazione;
  3. Esposizione ad agenti tossici di provenienza gastrointestinale.

Classificazione

STEATOSI ALIMENTARI O DIETETICHE;

STEATOSI ORMONALI;

STEATOSI TOSSICHE;

STEATOSI DA IPOSSIA;

Steatosi alimentari

DIETE IPERLIPIDICHE.

DIETE CARENTI DI ACIDI GRASSI POLINSATURI: (linoleico, linolenico, arachidonico entrano nella costituzione dei fosfolipidi e delle proteine di trasporto);

DIETE IPOPROTEICHE O CARENTI DI FOSFOLIPIDI E FATTORI LIPOTROPI (vit. B12, vit.PP, colina, metionina): La metionina attiva la colina che entra nella sintesi dei fosfolipidi e nella formazione delle micelle lipoproteiche.

Steatosi ormonali e Steatosi tossiche

ORMONI tiroidei, ACTH, cortisolo, adrenalina e noradrenalina, mobilizzano lipidi di deposito per attivazione delle lipasi;

Avvelenamento da CCl4 (antielmintico e solvente): induce alterazione del RER e mancata sintesi di lipoproteine con conseguente steatosi acuta e steato-necrosi;

Fosforo giallo (teste dei cerini) induce alterazione del RER e REL con conseguente blocco della sintesi delle lipoproteine;

Steatosi da aflatossine (Aspergillus flavus): alimentazione con mangimi mal conservati contenenti la tossina, la quale induce lesioni del DNA con blocco della sintesi proteica.

Steatosi da ipossia

È dovuta ad un difetto dell’ossidazione degli acidi grassi (blocco ossidativo) e ridotta sintesi di lipoproteine:

  1. ANEMIE GRAVI;
  2. MALATTIE EMOLITICHE;
  3. TURBE CIRCOLATORIE;
  4. INSUFFICIENZA CARDIACA.

I materiali di supporto della lezione

Dianzani M.U., Dianzani I., Dianzani U.: Istituzioni di Patologia Generale-4a edizione. UTET.

Robbins: Le basi patologiche delle malattie-6a edizione. Editore - Piccin Nuova Libreria S.p.A.

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion