Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Gionata De Vico » 10.Fenomeni patologici a significato difensivo: morfologia del sistema immunitario e Citochine nei teleostei.


Fenomeni patologici a significato difensivo

Sono meccanismi con carattere locale e/o sistemico, che si attivano in organi e tessuti in seguito al danno cellulare e/o alla presenza di agenti patogeni diversi.

Integrano le funzioni dell’immunità naturale e dell‘immunità acquisita;

Si esprimono con i quadri morfologici e funzionali tipici della c.d. “Risposta di Fase Acuta” (RFA) e delle “Infiammazioni” o flogosi.

Ad essi compartecipano: organi linfoidi, cellule del sistema immunitario, fattori umorali.

Gli organi linfoidi dei pesci

Gli organi linfoidi dei pesci:

  1. Timo
  2. Rene craniale
  3. Milza
  4. Mucous-Associated Lymphoid Tissue (Malt)

Le Cellule coinvolte nella risposta immune sono Cellule assimilabili a quelle dei Mammiferi:

  • Linfociti;
  • Macrofagi;
  • Granulociti;
  • cellule NK-like;
  • cellule Dendritiche.
Trota-microepatite linfocitaria: cluster di linfociti nel parenchima epatico (freccia). Fonte: prof. G. De Vico.

Trota-microepatite linfocitaria: cluster di linfociti nel parenchima epatico (freccia). Fonte: prof. G. De Vico.


Cellule immunitarie tipiche dei pesci

Melanomacrofagi (frecce bianche): macrofagi presenti nella milza, nel rene craniale, nel fegato, che contengono inclusioni eterogenee quali: melanina, emosiderina e lipofuscine (foto in alto).

Cellule granulari eosinofiliche: assimilabili ai Mastociti dei mammiferi (foto intermedia);

Rodlet cells (frecce): sembrano partecipare alla risposta infiammatoria. Caratteristica è la presenza di “inclusioni” citoplasmatiche chiamate “rodlet” (foto in basso).

Melanomacrofagi.
Cellule granulari eosinofiliche.
Rodlet cells.

Morfologia del sistema immunitario nei Teleostei: il Timo

Il Timo è un organo pari situtato nelle regioni dorso-laterali delle camere branchiali. Contiene una componente linfoide (Timociti) ed una Epiteliale strettamente associate e funzionalmente correlate. Si distingue una corticale (esterna), in cui sono concentrati i Timociti, e una midollare (interna) in cui la componente epiteliale è più rappresentata, e sembra coinvolta nella maturazione dei Timociti.

Morfologia del sistema immunitario nei Teleostei: il Rene craniale

La porzione craniale del Rene nei teleostei ha prevalentemente funzione emo-linfopoietica. In particolare in esso si localizzano le linee maturative eritroidi e linfo-mieloidi.

Il Rene craniale ha funzioni simili a quelle del midollo osseo dei mammiferi e al tempo stesso funge da organo linfoide secondario con funzioni linfonodo-simili, importanti nell’induzione ed elaborazione di una risposta immune.

Teleosteo-Rene. Si vedono Melanomacrofagi (scuri) immersi nella matrice emo-linfopoietica, tubuli renalie vie ematiche. (Foto prof. G. De Vico)

Teleosteo-Rene. Si vedono Melanomacrofagi (scuri) immersi nella matrice emo-linfopoietica, tubuli renalie vie ematiche. (Foto prof. G. De Vico)


Morfologia del sistema immunitario nei Teleostei: il Rene craniale (segue)

Il parenchima è disperso in una estesa rete di sinusoidi ed è supportato da uno stroma alla cui costituzione concorrono le stesse cellule endoteliali dei sinusoidi (che hanno anche capacità fagocitaria) e le cellule avventizie che rivestono la superficie abluminale di questi ultimi.

Lo stroma, quindi, oltre ad avere funzione di sostegno ha anche funzioni immunitarie e di clearance ematica.

Il rene craniale è il principale produttore di anticorpi, e i melanomacrofagi che vi si accumulano sono in grado di ritenere antigeni per lungo tempo, e possono avere un ruolo nella memoria immunitaria.

Morfologia del sistema immunitario nei Teleostei: la Milza

La Milza dei Teleostei possiede una capsula fibrosa che manda sepimenti all’interno del parenchima (o polpa). Quest’ultimo può essere distinto in polpa rossa (fibre reticolari e sinusoidi ematici) e polpa bianca (centri dei melanomacrofagi (SMMCs), cellule linfoidi ed “ellissoidi”).

I SMMCs sono speciali aggregati di melanomacrofagi funzionalmente simili ai centri germinativi splenici di uccelli e mammiferi. Nei non-salmonidi sono ben delimitati da una capsula argirofila, mentre nei salmonidi sono meno nettamente definiti. Sono spesso associati alla componente vascolare splenica.

Morfologia del sistema immunitario nei Teleostei: la Milza (segue)

Gli ellissoidi sono terminazioni arteriolari modificate che scorrono circondate da fibre reticolari, linfociti e (melano)-macrofagi. Sono strutture specializzate nell’intrappolamento di antigeni e immunocomplessi presenti nel sangue. Tali complessi vengono veicolati ai macrofagi che circondano gli ellisoidi e attivano il richiamo di altri macrofagi che si accumulano fino a formare nuovi SMMCs.

Milza di teleosteo: SMMCs (frecce nere) ed ellissoidi (frecce verdi). Fonte: prof. G. De Vico.

Milza di teleosteo: SMMCs (frecce nere) ed ellissoidi (frecce verdi). Fonte: prof. G. De Vico.


Morfologia del sistema immunitario nei Teleostei: il MALT

Il MALT nei Teleostei si ritrova nella cute, nelle branchie e nell’intestino. I Linfociti sono presenti nell’intestino sia come elementi “intra-epiteliali” che come popolazioni residenti nella Lamina Propria. In molte specie nella Lamina Propria sono presenti anche cellule granulari eosinofiliche.

Nel secondo tratto intestinale l’epitelio è in grado di captare e fagocitare macromolecole e trasportarle ai macrofagi circolanti e/o a quelli della Lamina Propria.

Leucociti e plasmacellule sono presenti anche nella cute e nelle branchie dove possono captare antigeni.

I materiali di supporto della lezione

Dianzani M.U., Dianzani I., Dianzani U.: Istituzioni di Patologia Generale-4a edizione. UTET.

Robbins: Le basi patologiche delle malattie-6a edizione. Editore - Piccin Nuova Libreria S.p.A.

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion