Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Alberto Finzi » 1.Introduzione al corso


Obiettivi del Corso

  • Robotica Probabilistica: metodi statistici in robotica.
  • Robotica Mobile: navigazione, localizzazione, mapping, esplorazione.
  • Architetture Ibride: esecuzione, monitoraggio, pianificazione.

Robotica Autonoma

  • Automazione: dal greco Automaton (auto + matos).
  • Robot: dal ceco/polacco robota (lavoro) e robotnik (lavoratore).

Applicazione Robotica

  • Industrial Robotics: Factory, mining, harvesting.
  • Field Robotics: Umnanned Vehicles: UAV, UTV, Planetary Rovers.
  • Social Robotics: Personal services, Entertainment.

Paradigmi

  • Robotica Classica (anni ‘70): modelli esatti, non sensing.
  • Paradigma Reattivo (anni ‘80): Non modelli, reattivo sense-act.
  • Architetture Ibride (anni ‘90): Model-based + reattivo.
  • Robotica Probabilistica (anni ‘90):  Modelli inaccurati, sensori inaccurati; Stretta integrazione modello sensore.

Paradigma Classico

Archiettura gerarchica.

Rappresentazione della Conoscenza e Ragionamento formale.

Mondo Chiuso: Modello completo dell’ambiente.

Decomposizione funzionale e orizzontale delle attività [Shakey 1969].

Schema di Controllo nel paradigma classico.

Schema di Controllo nel paradigma classico.


Paradigma reattivo

  • Situated: interagisce con il mondo.
  • No Memory, no model: memoria e modello forniti dal mondo esterno.
  • Behavior-based: sense e act strettamente accoppiati e legati al comportamento.
  • Architettura a sussunzione [Brooks 1986].
  • Campi di Potenziale.
Paradigma Sense-Act.

Paradigma Sense-Act.


Paradigma Ibrido

Combina i due paradigmi (architetture 3T [Gat 1996, Bonasso et. al 1997]).
Modello per pianificazione e ragionamento.

Reattivo il controllo di basso livello.

Es. ATLANTIS [Gat 1996]:

  • Control Layer,
  • Sequencing Layer,
  • Deliberative Layer.
Sistema Sense-Act con attività deliberativa.

Sistema Sense-Act con attività deliberativa.


Paradigma Ibrido (segue)

ATLANTIS [Gat 1992]

  • Task Control Architecture [Simmons 1994]
  • 3T [Bonasso et al. 1997]
  • RHINO [Burgard et al 1995]
  • LAAS [Alami 1998]
  • CIRCA [Musliner et al 1993]
  • etc …
Sistema Sense-Act con attività deliberativa.

Sistema Sense-Act con attività deliberativa.


Architetture a 3 Livelli

  • Deliberativo: pianificazione, ragionamento, decisione..
  • Esecutivo: monitoraggio dell’esecuzione, sequenziamento dei comandi.
  • Funzionale: funzionalità di controllo attuative e percettive.

Esempio: RHINO Architettura

Architettura di RHINO la guida robotica del museo di Bonn (1995); simile MINERVA (1998) ad Atlanta

Architettura a 3 Livelli per un robot mobile:

  1. Funzionale: Mapping, Localizzazione, Avoidance.
  2. Esecutivo: Sequencer, monitor.
  3. Deliberativo: Task Planner.
Architetture di RIHINO.

Architetture di RIHINO.


Esempio Architetture a 3 Livelli: DS1 (Remote Agent)

  • Missione: testare nuove teconologie per il New Millennium Program e osservazione Borrelly Comet.
  • Prima Sonda/Astronave completamente autonoma.
  • Attività gestite da pianificatore e sistema di esecuzione automatica (RAX: Remote Agent Experiment).
  • Diagnosi, Pianificazione, Esecuzione Duttile.

Architetture a 3 Livelli: REX

Remote Agent: controllo della sonda DS1

Tre livelli di controllo:

  1. Pianificazione e schedulazione temporale.
  2. Esecuzione, Monitoraggio e Diagnosi.
  3. Controllo reattivo.

Architetture a 3 Livelli

Problematiche architetture 3T:
Architetture modulari ma:

  1. Architetture eterogenee (modelli diversi).
  2. Livelli di astrazione separati, deliberazione solo al livello alto di astrazione (task and mission planning).
  3. Difficile interfacciamento deliberativo-reattivo: Pianificazione-Esecuzione, Ripianificazione, Esecuzione-Monitoraggio-Controllo.
  4. Sistema esecutivo sviluppato ad-hoc spesso solo sequencer e dispatcher.

Esempio Livello Esecutivo: PRS [Georgeff, Ingrand 1990]

Architettura BDI (Belief, Desire, Intention):

  1. Credenze: Data Base, Knowledge Base.
  2. Desideri: Goals.
  3. Intenzioni: Piani Goal-oriented.

PRS [Georgeff, Ingrand 1990]: Practical Reasoning System, sistema esecutivo che implementa il modello BDI.

Esempio Livello Esecutivo: TAC Architecture

Task Control Architecture [Simmons 1994]:

  • Interprocess communication;
  • Task decomposition and temporal constraints;
  • Resource allocation;
  • Execution monitoring;
  • Exception Handling.

Architetture Ibride 2T

  • Architetture 3T: deliberazione ad alto livello di astrazione, esecuzione/reazione a basso livello [Bonasso et al. 1997].
  • Architetture 2T: Esecuzione e deliberazione a tutti i livelli di controllo (Claraty [Volpe Nessan 2000]).

Architetture Cognitive

Architetture robotiche come architetture cognitive:

  • Fusione sensoriale.
  • Ragionamento.
  • Deliberazione.
  • Apprendimento.
  • Percezione/Riconoscimento e Percezione/Azione.
  • Attenzione.
  • Coordinazione senso-motoria.
  • Motivazione.
  • Interazione Uomo-Robot.
  • Autonomia e Flessibilità di comportamento (Field Robotics).
  • Interazione, Interpretazione, Continuo Apprendimento (Social Robotics).

Livello Funzionale

Funzionalità a diversi livelli di astrazione:

  • Avoidance
  • Mapping
  • Localizzazione
  • Navigazione
  • Riconoscimento oggetti,situazioni,luoghi,…
  • Manipolazione di oggetti
  • Elaborazione di Immagini
  • Interazione Uomo-Robot

Livello Deliberativo

Meccanismi di decisione:

  • Pianificazione Task.
  • Pianificazione Dinamica.
  • Pianificazione di Traiettoria.
  • Ragionamento temporale, dinamico,etc.
  • Sistemi di decisione tattica e strategica.
  • Modelli dell’ambiente.
  • Modelli del robot.
  • Modelli per l’interazione.
  • Modelli per la decisione.

Livello Esecutivo

Incontro tra livello funzionale e deliberativo:

  • Coordinazione senso-motoria.
  • Coordinazione deliberativo-esecutiva.
  • Monitoraggio dell’esecuzione.
  • Rilevamento di errori, diagnosi e riparazione.
  • Riconfigurazione, ripianificazione.

Argomenti

I livelli Funzionale, Deliberativo ed Esecutivo articolano anche la struttura del corso:

  • Livello Funzionale: Rudimenti di robotica mobile e robotica probabilistica (mapping e localizzazione, navigazione, esplorazione, etc.). Modelli bayesiani.
  • Livello Esecutivo: Monitoraggio dell’esecuzione e pianificazione dinamica; pianificazione dinamica; controllo cognitivo e sistemi attenzionali. Modelli temporali, automi, etc.
  • Livello Deliberativo: Sistemi di Pianificazione e Schedulazione; pianificazione ed esecuzione; sistemi per la decisione; apprendimento gerarchico. Modelli temporali, automi, etc..

I materiali di supporto della lezione

Lucidi, dispense e articoli sul sito del corso.

Probabilistic Robotics, Sebastian Thrun, Wolfram Burgard and Dieter Fox, The MIT Press, 2004

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion