Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Marco Lapegna » 11.I S.O. multimediali – parte prima


Sistemi operativi multimediali

L’intrattenimento e la comunicazione multimediale rappresentano uno dei settori che più rapidamente si è affermato negli ultimi anni.

Le caratteristiche dei file per il multimedia:

  • musica;
  • filmati;
  • videoclip;
  • videogiochi;

sono molto diverse dai file tradizionali per cui sono stati progettati la maggior parte dei sistemi operativi odierni.

Esigenza di nuovi modelli e algoritmi per i sistemi operativi multimediali

Un filmato digitale

Un filmato digitale è una entità discretizzata.

La parte video si compone di un certo numero di frame da processare ogni secondo:

  • NTSC (USA e Giappone) 30 fotogrammi al secondo;
  • PAL e SECAM 25 fotogrammi al secondo.

La parte audio si compone di un certo numero di campionamenti da processare al secondo: tipicamente 44100 campioni al secondo

In ogni caso la quantità di dati da processare è costante nel tempo

Caratteristiche di un sistema multimediale

Per avere una visione accettabile, un film in formato DVD di 5 Gbytes di due ore richiede il trasferimento di 4*1010 bit in 7200 secondi

Richiesta una velocità di trasferimento di oltre 5 Mbit/sec (altri formati richiedono fino a centinaia di Mbit/sec)

Alcune velocità di trasmissione


La qualità del servizio (QoS)

Dipende da alcuni parametri

  • Larghezza di banda media (bandwidth);
  • La variabilità nella velocità di trasmissione (jitter);
  • La probabilità di perdere i dati.

Esempio:

  • Bandwidth = 10 Mbps
  • 99% dei ritardi di al più 100ms
  • 10-10 bit persi

OK per MPEG2

Una ampiezza di banda inferiore richiede una risoluzione minore per avere la stessa QoS.

Multimedia e real time

In un file multimediale i frame devono essere processati a intervalli costanti (periodo):

  • NTSC: 1 frame ogni 33.3 ms;
  • PAL e SECAM: 1 frame ogni 40 ms.
Esempio.

Esempio.


Multimedia e real time (segue)

Processi con tali caratteristiche sono detti Processi Periodici.

Poichè i s.o. per sistemi multimediali deve processare:

  • insiemi di dati di dimensioni costante (i frame);
  • a intervalli costanti (il periodo);
  • entro una fissata scadenza (la deadline).

Costituiscono un esempio significativo di sistemi operativi che fanno uso di tecniche real time.

Multimedia e real time (segue)

Un sistema con tali caratteristiche differisce profondamente da un sistema general purpose.

Principali differenze:

  • algoritmi di scheduling dei processi;
  • il file system;
  • la schedulazione del disco.

Un DVD player

Un DVD player è basato su un s.o. che deve processare un solo film alla volta, composto ad esempio:

  • Traccia per il video
  • Traccia per l’audio
  • Traccia per i sottotitoli

I processi arrivano secondo un ordine fissato e prestabilito

Algoritmo di scheduling FCFS o round robin


TV on demand

Un sistema per la TV on demand è invece basato su un s.o. che deve fare fronte a un numero di richieste varibili nel tempo.

  • M = Numero di utenti che variano nel tempo
  • Numerosi film da gestire contemporaneamente, con differenti
    • Periodi Pi i=1,..M
    • Deadline Di i=1,..M
    • Tempi di processamento dei frame Ti i=1,..M

La schedulazione di processi in cui ci sono delle scadenze temporali e’ detta Schedulazione in tempo reale.

Esempio

3 processi A, B e C

  • Proc. A → periodo P=30 tempo esecuzione T=10
  • Proc. B → periodo P=40 tempo esecuzione T=15
  • Proc. C → periodo P=50 tempo esecuzione T=5
Deadline che coincide con l’inizio del frame successivo.

Deadline che coincide con l'inizio del frame successivo.


Problema

Siamo sicuri che i tre processi possono essere eseguiti rispettando le loro rispettive deadline?

  • A occupa la CPU per 10 unità ogni 30 → utilizzo della CPU = 33.3%
  • B occupa la CPU per 15 unità ogni 40 → utilizzo della CPU = 37.5%
  • C occupa la CPU per 5 unità ogni 50 → utilizzo della CPU = 10%

In generale

Dati M processi, ognuno dei quali caratterizzato da:

  • Periodo Pi
  • Tempo esecuzione Ti

I processi schedulabili sono: \sum _{i=1} ^{M} \frac {T_i}{p_i} \leq 1

Osservazione: data la natura dei processi i parametri Pi e Ti sono noti allo scheduler.

QoS del video on demand

Un sistema per il video on demand è basato su un s.o. che deve fare fronte a un numero di richieste varibili nel tempo.

Il modo più comune per garantire una fissata QoS consiste nel riservare le risorse per gli utenti e rifiutare richieste ulteriori che degraderebbero la QoS

controllo dell’ammissione

I materiali di supporto della lezione

Silberschatz , Galvin, Gagne – Sistemi Operativi 8a ed. Capitolo 20.

Tanenbaum – Moderni sistemi operativi 3a ed. Capitolo 7.

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion