Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Marco Lapegna » 14.I Sistemi Operativi distribuiti - parte prima


Un’esigenza


Problema


Vantaggi

Condivisione delle risorse

  • Una risorsa a Roma può essere utilizzata da utenti a Napoli

Accelerazione dei calcoli

  • Con due CPU si potrebbe impiegare metà del tempo

Scalabilità

  • Con due CPU si potrebbe risolvere un problema più grande

Affidabilità

  • Se una CPU si guasta ne posso usare un’altra

Collaborazione

  • Team separati possono collaborare anche se distanti

Alcuni svantaggi

L’organizzazione del software:

  • che s.o., che linguaggi;
  • cosa dovrebbe fare il sistema e cosa l’utente?

La connessione dei processori:

  • reti: alte latenze, perdita di pacchetti;
  • condivisione delle risorse: sincronizzazione.

Sicurezza:

  • accesso solo ai dati consentiti.

Classificazioni dei sistemi a processori multipli


Tassonomia di Flynn

La tassonomia di Flynn classifica i sistemi di calcolo in 4 categorie:

  • Single-instruction-stream, single-data-stream (SISD) computers
    • Sistemi monoprocessore
  • Multiple-instruction-stream, single-data-stream (MISD) computers
    • Non praticabile
  • Single-instruction-stream, multiple-data-stream (SIMD) computers
    • array processors e calcolatori vettoriali
  • Multiple-instruction-stream, multiple-data-stream (MIMD) computers
    • Calcolatori paralleli e distribuiti

Un problema della tassonomia di Flynn


Sistema multiprocessore


Alcuni schemi


Sistema multicomputer


Alcuni schemi di connessione


Alcuni schemi di connessione (segue)

Topologia a griglia:

  • n righe e m colonne di nodi, in cui ogni nodo è connesso a 4 nodi vicini;
  • Relativamente economico e semplice da progettare per un gran numero di nodi;
  • scarsa performance and fault tolerance;
  • Es. Intel Paragon (1994).

Topologia a ipercubo:

  • Un ipercubo n-dimensionale ha 2n nodi in cui ogi nodo è connesso a n vicini;
  • Più efficiente e affidabile della griglia 2D;
  • meno economico e più difficile da progettare;
  • Es. nCUBE (1990).

Macchine NUMA


Sistemi distribuiti


Un’altra classificazione


I materiali di supporto della lezione

Silberschatz , Galvin, Gagne – Sistemi Operativi 8a ed. Capitolo 16

Tanenbaum – Moderni sistemi operativi 3a ed. Capitolo 8

Deitel, Deitel, Choffnes - Sistemi operativi 3a ed. Capitoli 13, 14

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion