Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Maria Filomena Caliendo » 12.Zoogeografia dei Pesci


Zoogeografia dei vertebrati

Pesci marini

D dipendente dalla T (es. Clupeidi, pesci antiequatoriali).

  • D oltre il 50% tra 0 e 200 m.
  • Pelagici di mare aperto.
  • Oltre i 200 m di profondità (batipelagici o bentonici).
La barriera pacifica orientale è una barriera efficace per specie bentoniche  e di acque poco profonde. Modificata da  Wikipedia.

La barriera pacifica orientale è una barriera efficace per specie bentoniche  e di acque poco profonde. Modificata da Wikipedia.


Pesci marini (segue)

Fauna indopacifica

  • La + ricca di specie, comprende quasi tutte le famiglie.
  • Notevole biodiversità nelle scogliere delle Hawaii (30% endemiche).
Modificato Da atlante geografico “De Agostini”.

Modificato Da atlante geografico “De Agostini”.


Pesci marini (segue)

Fauna Afro-occidentale

  • Fauna modesta, simile alla Mediterranea e Caraibica.
Modificato Da atlante geografico “De Agostini”.

Modificato Da atlante geografico “De Agostini”.


Pesci marini (segue)

Fauna caraibica

  • Divisa in f. del G. del Messico e dei Caraibi dalla c. del Golfo.
  • Ricca di specie.
  • Presenza di relitti glaciali nel G. del Messico.
Modificato Da atlante geografico “De Agostini”.

Modificato Da atlante geografico “De Agostini”.


Pesci marini (segue)

Fauna Americo-Pacifica

  • Pesci separati dalla grande barriera pacifica.
  • Specie simili alle caraibiche (istmo di Panama nel terziario).
Modificato Da atlante geografico “De Agostini”.

Modificato Da atlante geografico “De Agostini”.


Pesci d’acqua dolce

  • Vertebrati con la più lunga storia evolutiva (più di 450.000.000 di anni).
  • Dispersione legata all’acqua.
  • Dispersione idrocora mediante uova e larve.

Modelli di distribuzione

  • Mod. di distribuzione continentale
    L’evoluzione è avvenuta solo nelle acque dolci e la dispersione solo tramite le acque continentali.
  • Mod. di distribuzione periferico
    Animali di acqua dolce di origine marina, il cui areale ricorda quello degli antenati marini e le aree in cui c’è stata la colonizzazione delle acque continentali.

Pesci d’acqua dolce (segue)

  • Le acque dolci sono il 10% delle acque e ospitano 8400 specie di Pesci (40%).
  • Esistono forme arcaiche Politteriformi: africani e Dipnoi (3 generi), da cui sono originati i V. terrestri.
Fonte  Wikipedia.

Fonte Wikipedia.

Modificato da  Wikipedia.

Modificato da Wikipedia.


Pesci d’acqua dolce (segue)

Ancestrali sono gli Olostei (11 specie nord e centroamericane dei generi Lepisosteus e Amia).

Amia calva. Fonte  Wikipedia.

Amia calva. Fonte Wikipedia.

Lepisosteus oculatus. Fonte  Wikipedia.

Lepisosteus oculatus. Fonte Wikipedia.


Pesci d’acqua dolce (segue)

Divisi da Myers in 6 categorie ecologico-evolutive.

1) Pesci primari

  • Non tollerano alcuna salinità (Dipnoi, Politteridi, Siluridi, Ciprinidi, caracidi).
  • D di tipo continentale (no in Antille, Liguria, sardo-corso, Puglia, Calabria, Sicilia).

2) Pesci secondari

  • Tollerano una minima salinità.
  • D di tipo periferico in molti.
  • Molti vivono in acque dolci per adattamento II (Ciprinodonti, Pecilidi, alcuni salmonidi, Ciclidi).
Condrosthoma nasus. Fonte  Wikipedia.

Condrosthoma nasus. Fonte Wikipedia.

Poecilia latipinna. Fonte  Wikipedia.

Poecilia latipinna. Fonte Wikipedia.


Pesci d’acqua dolce (segue)

3) Pesci diadromi

  • Migrano tra acqua dolce e mare:
    • Anadromi (Salmonidi).
    • Catadromi (Anguillidi).
  • D di tipo periferico.

4) Pesci vicarianti

  • Vivono in acqua dolce, ma appartenenti a specie essenzialmente marine:
    • Alcuni Salmonidi (Thymallus), Gadidi (Lota), Aterinidi (Aterina).
  • D continentale.
Salmo trutta fario. Fonte  Wikipedia.

Salmo trutta fario. Fonte Wikipedia.

Melanotaenia praecox . Fonte  Wikipedia.

Melanotaenia praecox . Fonte Wikipedia.


Pesci d’acqua dolce (segue)

5) Pesci complementari

  • Marini che invadono le acque dolci in assenza degli altri(Gobiesocidi americani).
  • Spesso diadromi.
  • D periferica.

6) Pesci sporadici in acqua dolce

  • Vivono e si riproducono in entrambi ambienti (spinarello).
  • D periferica.
Gasterosteus aculeatus. Fonte  Wikipedia.

Gasterosteus aculeatus. Fonte Wikipedia.

Vie evolutive che hanno portato a queste categorie.

Vie evolutive che hanno portato a queste categorie.


Pesci d’acqua dolce (segue)

Europa

  • Pochi primari per glaciazioni (Ciprinidi, Cobitidi, Percidi) (220 specie).
  • Molti secondari (Acipenseridi, Salmonidi, Clupeidi).
  • Pochi pandemici (Tinca).
Tinca tinca . Fonte  Wikipedia.

Tinca tinca . Fonte Wikipedia.


Pesci d’acqua dolce (segue)

Italia

  • 2 distretti:
    • Padano-veneto e Tosco-Laziale.
  • le altre sono prive di Pesci primari.
  • 61 specie indigene e 27 introdotte.
Modificato da  Wikipedia.

Modificato da Wikipedia.


Pesci d’acqua dolce (segue) – Italia

Rovella (Rutilus rubilio). Fonte  Wikipedia.

Rovella (Rutilus rubilio). Fonte Wikipedia.

Ghiozzo di ruscello (Padogobius nigricans). Fonte  Wikipedia.

Ghiozzo di ruscello (Padogobius nigricans). Fonte Wikipedia.

Trota marmorata (Salmo trutta marmoratus). Fonte  Wikipedia.

Trota marmorata (Salmo trutta marmoratus). Fonte Wikipedia.


Pesci d’acqua dolce (segue)

Asia

  • Molto più ricca dell’Europa (1500 specie).

Africa

  • Emersa fin dal cambriano, permette la sopravvivenza di molti pesci arcaici.
  • Ha 23 famiglie (8 endemiche) di p. primari e molte centinaia di specie di secondari.
  • Massima biodiversità nel fiume Congo.
  • I laghi sono ricchi di Ciclidi (90%) e più del 50% dei Pesci sono endemici (Ciclidi 99%).
Fonte  Wikipedia.

Fonte Wikipedia.


Pesci d’acqua dolce (segue)

Nordamerica

  • 600 specie di P. primari e 300 di secondari.
  • La maggior parte è nel Mississippi.
  • Il n° di specie diminuisce verso Nord e verso Sud.

Sudamerica

  • Il più ricco (2200 specie, derivanti da poche specie ancestrali).
  • Massima biodiversità nel bacino delle Amazzoni.
  • Radiazione evolutiva risale al Terziario, quando era separato dal Nordamerica.
  • Le somiglianze con l’Africa riguardano i Ciclidi e i Ciprinodonti (p. secondari).
Ciprinodonte del diavolo. Fonte  Wikipedia.

Ciprinodonte del diavolo. Fonte Wikipedia.


Pesci d’acqua dolce (segue)

Australia

  • 220 specie, per lo più secondarie (Clupeidi, Mugilidi, Anguilliformi).
  • 2 primari arcaici ( Neoceratodus e Osteoglosso).
  • N. Zelanda ha 27 specie, per lo più diadrome.

Danni biologici di notevole entità sono stati compiuti dall’uomo con transfaunazioni (es. Carpa dal danubio in età romana o il P. siluro e il pesce gatto).

Neoceratodus forsteri. Fonte  Wikipedia.
Ameiurus mela. Fonte  Wikipedia.
Silurus glanis

I materiali di supporto della lezione

M. Zunino e A. Zullini . Biogeografia . La dimensione spaziale dell'evoluzione. Casa ed. Ambrosiana, Milano.

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion