Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Enrico Rebeggiani » 11.Internet nella storia del progresso tecnologico: dalla rivoluzione industriale alla società in rete


Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione

La tecnologia secondo M. Castells:

l’impiego della conoscenza scientifica al fine di specificare modi di fare cose in maniera riproducibile.Tecnologie dell’informazione e della comunicazione:

l’insieme convergente delle tecnologie della microelettronica, dell’elaborazione dati (hardware e software), delle telecomunicazioni/trasmissioni, nonché nell’optoelettronica e dell’ingegneria genetica.

Letture:

Castells M.,”La rivoluzione della tecnologia dell’informazione”, in La nascita della società in rete, Università Bocconi Editore, Milano, 2002, pp. 29-83.

Risorse:

Manuel Castells, Universitat Oberta de Catalunya (UOC)

La rivoluzione della tecnologia dell’informazione

Un nuovo paradigma tecnologico:

  • Si sviluppa a partire dagli anni Settanta e prosegue con innovazioni incrementali a grappoli.
  • Determina – come la rivoluzione industriale – una logica di discontinuità nelle basi materiali dell’economia, della società e della cultura.
  • Comporta la diffusione pervasiva della tecnologia dell’informazione in tutti i campi dell’attività umana come fibra costitutiva di tali campi.

I tratti essenziali del paradigma della tecnologia dell’informazione

  • Nel nuovo paradigma l’informazione rappresenta la sua materia prima.
  • Diffusione pervasiva degli effetti delle nuove tecnologie in tutti i processi individuali e collettivi.
  • Adozione della logica di rete in qualsiasi sistema o insieme di relazioni che fanno uso delle tecnologie dell’informazione.
  • Interconnessione, flessibilità e capacità di riconfigurazione dei processi e delle strutture.
  • Crescente convergenza di tecnologie specifiche in un sistema altamente integrato, in cui diverse traiettorie tecnologiche diventano indistinguibili.

Il nuovo sistema tecnologico

Un mondo digitale:

  • Il nuovo sistema tecnologico possiede una propria logica radicata, caratterizzata dalla capacità di tradurre tutti gli input in un sistema comune di informazioni, nonché di elaborare tali informazioni con la velocità e potenza crescenti e a costi decrescenti in una rete di reperimento e distribuzione potenzialmente onnipresente.
  • Attraverso il comune linguaggio digitale in cui l’informazione viene generata, archiviata, elaborata e trasmessa si assiste ad un processo di trasformazione esponenziale di trasformazione tecnologica basato proprio sulla comune interfaccia digitale tra i diversi campi tecnologici.

Letture:

Negroponte N. , Essere digitali, Sperling & Kupfer, Milano, 1995.

Risorse:

Nicholas Negroponte, MIT Media Laboratory

I contesti dell’innovazione tecnologica

L’innovazione non è un fenomeno isolato:

  • essa riflette un dato stato della conoscenza
  • un ambiente istituzionale e industriale particolare
  • una certa disponibilità di competenze per la definizione di un problema tecnico e la sua risoluzione
  • una mentalità economica che rende tale applicazione efficiente in termini di costi
  • nonché una rete di produttori e utenti in grado di comunicare le proprie esperienze in modo cumulativo, imparando facendo e usando

Il contesto della nascita e dello sviluppo di Internet

La prima rivoluzione digitale è stata americana, concentrata in California, beneficiando di:

  • Strategie militari e investimenti pubblici
  • Cooperazione delle istituzioni di ricerca scientifica all’avanguardia
  • Imprenditorialità tecnologica dinamica
  • Presenza di una controcultura innovativa e sensibile al nuovo contesto tecnologico

Risorse:

Internet Society, ente che sovrintende allo sviluppo di Internet

La peculiarità della rivoluzione della tecnologia dell’informazione

Ciclo di innovazione tecnologica:

  • La peculiarità della rivoluzione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione consiste non nella centralità della conoscenza e dell’informazione, ma nell’applicazione della conoscenza e dell’informazione a dispositivi per la generazione della conoscenza e per l’elaborazione/comunicazione dell’informazione, in un ciclo di feedback cumulativo tra innovazione e usi dell’innovazione.
  • Oltre a generare nuovi prodotti, la rivoluzione delle tecnologie dell’informazione è orientata al processo.

Il ciclo di feedback cumulativo tra innovazione e usi dell’innovazione

Tre fasi nell’introduzione dell’innovazione delle tecnologie dell’informazione:

  • Automazione dei compiti
  • Sperimentazione degli utilizzi
  • Riconfigurazione delle applicazioni.

Velocità e processualità dell’innovazione:

  • Il ciclo di retroazione tra l’introduzione della nuova tecnologia, il suo uso e l’applicazione a nuove attività diventa molto veloce con il nuovo paradigma tecnologico.
  • Le nuove tecnologie dell’informazione non sono soltanto strumenti da applicare, ma processi da sviluppare.

Diffusione della rivoluzione della tecnologia dell’informazione

Sviluppo globale rapido, ma selettivo:

  • In passato le rivoluzione tecnologiche si sono verificate solo in poche società e si sono diffuse in un’area geografica relativamente limitata, spesso in uno spazio e in un tempo separati rispetto alle altre zone del pianeta.
  • Le nuove tecnologie dell’informazione, invece, si sono diffuse in tutto il globo con velocità fulminea a partire dalla metà degli anni ‘70.
  • La velocità di diffusione tecnologica è selettiva sotto il profilo sia sociale sia funzionale. Le aree disconnesse sono discontinue in termini culturali e spaziali. Tuttavia le funzioni, i gruppi sociali e i territori del globo dominanti sono connessi a una nuova rete tecnologica.

Conclusioni: Internet e l’evoluzione del paradigma della tecnologia dell’informazione

La lezione dello sviluppo di Internet:

  • Internet si è sviluppato in un ambiente sicuro, garantito da risorse pubbliche e ricerca mission-oriented, un ambiente che non ha soffocato la libertà di pensiero e l’innovazione.
  • Il paradigma della tecnologia dell’informazione non si evolve verso la propria chiusura in quanto sistema, ma verso l’apertura in quanto rete multisfaccettata.
  • Comprensività, complessità e reticolarità costituiscono le qualità determinanti di Internet.

Prossima lezione: La rete come fattore di trasformazione della produzione e della distribuzione di beni e servizi

Le innovazioni dei processi economici indotte dalla diffusione di Internet:

  • Le caratteristiche strutturali dell’economia della conoscenza e dell’informazione.
  • L’impatto di Internet per i processi produttivi.
  • Le trasformazioni dei sistemi di distribuzione a seguito dello sviluppo di Internet

Le lezioni del Corso

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion