Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Enrico Rebeggiani » 18.L'economia criminale in rete


Criminalità in rete: di cosa si tratta?

La criminalità in rete:

  • L’etichetta “criminalità in rete” si applica all’insieme dei reati commessi attraverso l’impiego delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Esempi di reati in rete:

  • Accesso illecito a sistemi di computer.
  • Danneggiamento di dati, di hardware e diffusione di virus.
  • Abuso di forme di pagamento elettronico, phishing, dialer.
  • Violazione della privacy.
  • Reati connessi ai contenuti (pornografia, violenza, razzismo, estremismo politico, etc.).
  • Violazione del diritto d’autore e commercio illegale.

Risorse: Forum per la Tecnologia dell’Informazione, Sicurforum Italia

Polizia di stato

Family Online Safety Institute (ICRA)

Multimedia: Forum per la Tecnologia dell’Informazione, Osservatorio Criminalità ICT, 2001 [.pdf]

Principali reati economici in rete

Violazione della proprietà intellettuale:

  • Scambio e riproduzione di materiali protetti dai diritti d’autore (musica, video, scritti, etc.).
  • Violazione di software e diffusione di copie “pirata”.

Frodi, truffe e furti:

  • Nell’e-Commerce: le transazioni economiche in rete, attraverso sistemi di pagamento elettronici sono esposte a frodi e furti.
  • Nell’e-Banking: la gestione elettronica dei depositi bancari è ugualmente esposta agli stessi reati.

Hacker e Cracker: sfide, vandalismo e reati

Hacker, l’etica dell’informazionalismo:

  • Sono esperti ed appassionati di informatica che si intromettono nei sistemi informatici altrui più per sfida che per frode.
  • La finalità dell’hacker non è quella di compiere un reato fine a se stesso, ma di rintracciare falle nei sistemi informatici per dimostrarne la vulnerabilità e proporre soluzioni.

Cracker, i pirati della rete:

  • Impropriamente definiti hacker, gli autori dei reati informatici sono esperti di computer e di programmazione che utilizzano il web per compiere le loro azioni criminali.

Risorse:

Eurispes, “In questo mondo di ladri: hacker, cracker e truffe telematiche”, in Rapporto Italia 2006, Roma, 2006.

Spaghetti Hacker

La rappresentazione della violenza in Internet

Internet come specchio della realtà:

  • La rappresentazione della violenza, dell’odio e delle guerre nella rete mette in discussione l’idea di Internet come villaggio democratico globale, diffusore di valori di cosmopolitismo, universalismo e ugualitarismo.
  • Internet, nei fatti, riproduce, e in certi casi amplifica, i conflitti sociali, gli scontri culturali, i problemi di relazione tra sistemi culturali diversi.

Libertà, controllo e censura in Internet:

  • In questo campo si apre una questione su libertà di espressione, responsabilizzazione e controllo che oscilla tra le istanze libertarie originali e le istanze di censura emergenti.

Letture:

Roversi A., L’odio in rete, il Mulino, Bologna, 2006.

Risorse:

La guerra in rete, a cura di A. Roversi

Il cybercrime: una forma della “criminalità dei colletti bianchi”

La criminalità economica secondo E. H. Sutherland:

  • L’espressione si riferisce a reati commessi, prevalentemente da dirigenti d’azienda, nello svolgimento dell’attività economica.
  • I reati tipici della criminalità dei colletti bianchi sono la frode fiscale, la frode commerciale, e simili.
  • La mancanza di un rapporto diretto dell’autore del reato con la vittima e la difficoltà nell’individuare una vittima specifica, evitano la stigmatizzazione sociale.

Letture:

Sutherland E. H., La criminalità dei colletti bianchi e altri scritti, Unicopli, Milano, 1986.

Risorse:

Lasco F., “Criminalità economica“, in Impresa & Stato, n.44-45.

Gli attributi della criminalità dei colletti bianchi

Tre aspetti chiave:

  • la criminalità dei colletti bianchi è assassina, nel senso che spesso le conseguenze dei reati sono devastanti non meno di quanto avviene con la violenza personale.
  • la criminalità dei colletti bianchi tende naturalmente a nascondersi, a mimetizzarsi, a camuffarsi.
  • la criminalità dei colletti bianchi è impunita, anche perché misconosciuta e etichettata come disonestà.

Il mercato della sicurezza informatica

I costi della paura e il settore dei sistemi di sicurezza informatica:

  • Le attività economiche in rete presentano dei livelli d’incertezza e d’insicurezza che ne aumentano i costi di transazione.
  • La “sicurezza” rappresenta un costo sia per i produttori di servizi in rete, sia per i consumatori, sia per gli utenti della rete
  • La percezione della diffusione dei reati in rete induce lo sviluppo del settore dei sistemi di sicurezza informatica.

Conclusioni: I costi della sicurezza e i rischi per la libertà

Libertà e sicurezza in rete:

  • Lo sviluppo delle attività economiche in rete si espongono a nuove modalità di reati economici.
  • Per alcuni reati in rete si può parlare di nuova “criminalità dei colletti bianchi” secondo la definizione di Sutherland.
  • L’insicurezza comporta dei costi a tutti gli attori economici coinvolti nelle transazioni economiche.
  • Intorno alla questione della sicurezza di Internet si confrontano visioni diverse sul tema della libertà e il controllo della rete.

Prossima lezione

I lavoratori manuali dell’economia virtuale: dai call center ai cinesi della Goldmines

L’evoluzione della struttura occupazionale nell’economia in rete:

  • La ristrutturazione del mercato del lavoro nel regime di accumulazione flessibile.
  • La polarizzazione della manodopera nell’e-conomy.
  • La flessibilità dell’occupazione.

Le lezioni del Corso

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion