Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Sociologia
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Enrico Rebeggiani » 2.L'economia: definizione formale e sostanziale


Che cos’ è l’economia

Definizione di economia

Il sistema delle attività umane destinate alla produzione, distribuzione, scambio e consumo di beni e servizi.

Due definizioni:

  • Una definizione formale.
  • Una definizione sostanziale.

L’approccio formalista all’economia

Definizione formale di economia

  • L’agire economico riguarda le scelte individuali d’impiego di risorse scarse, razionalmente orientate alla massimizzazione dell’utilità individuale.
  • L’economia è dunque la disciplina che si occupa della migliore allocazione possibile di risorse scarse.

La scuola formalista: l’economia neoclassica

Economia neoclassica o marginalista

Tradizione di pensiero, affermatasi alla fine del XIX sec., secondo la quale:

  • L’economia è un modo di agire e non un settore della società.
  • L’economia coincide con il mercato.
  • L’analisi economica viene realizzata con un modello formale e semplificato sulla base di alcune ipotesi restrittive.

Chi sono i marginalisti

Il modello d’analisi formalista

Assunti del modello d’analisi formalista

  • Gli attori hanno un sistema di preferenze, di solito espresse mediante una funzione di utilità, dotata di caratteristiche restrittive: atomistiche, egoistiche, date e costanti, complete, coerenti.
  • Gli attori sono razionali e tendono a massimizzare la loro funzione di utilità.
  • Le conoscenze e le informazioni sono certe.
  • La definizione del contesto è tale da rendere possibile la circolazione delle informazioni indispensabili per l’azione individuale.

Funzione di utilità (definizione)

L’approccio sostanziale all’economia

Definizione sostanziale di economia

  • L’economia è costituita dall’insieme di attività volte a garantire la riproduzione materiale di un dato gruppo sociale.
  • Essa si definisce in rapporto al soddisfacimento dei bisogni materiali e alle relative forme istituzionali di relazione tra l’uomo e il suo ambiente naturale.
  • I modi per soddisfare i bisogni materiali sono storicamente assai diversi e dipendono dall’organizzazione complessiva della vita collettiva.

L’approccio sostanziale: il contributo di Karl Polanyi (1886-1964)

L’economia non è solo il mercato

Separazione della nozione di “economia” da quella di “mercato”:

«Nella maggior parte delle culture – scrive Polanyi – i rapporti interpersonali basati sul dare e sul ricevere sono incorporati in una vasta rete di impegni sociali e politici che non consentono agli individui di massimizzare i vantaggi economici ottenuti in queste relazioni» i membri di una data collettività.

Le forme di scambio

  • Scambio di mercato: scambi impersonali regolati da un’equivalenza numerica determinata dalla moneta.
  • Reciprocità: scambio non mediato dalla moneta tra soggetti che sono legati da vincolo extraeconomico.
  • Redistribuzione: si genere quando un centro politico è in grado di raccogliere delle risorse e di ridistribuirle secondo determinati criteri tra i membri di una data collettività.

Karl Polanyi

L’embeddedness dell’azione economica

L’azione economica come azione sociale:

  • l’azione economica è un’azione sociale che si svolge in un contesto istituzionale particolare;
  • anche l’azione economica tende ad istituzionalizzarsi, cioè a dar vita ad assetti sociali relativamente stabili.

«Gli attori non si comportano e non decidono come atomi al di fuori di un contesto sociale, né aderiscono passivamente ad un copione scritto per loro da una particolare intersezione di categorie sociali a cui capita loro di appartenere. I loro tentativi di compiere azioni intenzionali sono, invece, radicati in sistemi di relazioni sociali concreti e attivi» (Mark Granovetter, 1991, pp. 55-6)

Per migliorare, quindi, la comprensione della realtà economica occorre cogliere l’azione nel suo contesto.

Conclusione: l’attività economica come processo istituzionalizzato

L’approccio sociologico all’agire economico

L’azione economica è un’azione sociale e il contesto istituzionale incide in maniera sensibile sul modo in cui tale azione si produce e sulla forma delle interazioni che ne conseguono.

  • Definizione sostanziale dell’economia.
  • Metodologia storico-empirica e logica di ricerca induttiva.
  • Oggetto della sociologia economica è l’analisi del radicamento sociale dell’azione economica.

Prossima lezione

Le forme di integrazione tra economia e società: 1) la reciprocità e la redistribuzione

Tipi di scambio e forme di integrazione

  • Cosa sono le «forme di integrazione»
  • La reciprocità
  • La redistribuzione


Le lezioni del Corso

I materiali di supporto della lezione

Bagnasco A, Barbagli M., Cavalli A., Sociologia. III Organizzazione sociale popolazione e territorio, Bologna, il Mulino, 2001 (pp. 15- 20)

Trigilia , Sociologia economica, Bologna il Mulino, 1998

Borghi Magatti, Economia mercato e società, Roma, Carocci Anno (Cap. 1)

Cella G.P., Le tre forme dello scambio. Reciprocità, politica, mercato a partire da Karl Polanyi, il Mulino, 1997, Bologna

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion