Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Sociologia
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Enrico Rebeggiani » 4.Le forme di integrazione tra economia e società: 2) lo scambio di mercato


Il mercato come meccanismo regolatore dell’economia

Cos’è lo scambio di mercato?

Lo scambio di mercato è il trasferimento di un bene che ha un valore economico – in quanto è utile a qualche scopo e non liberamente disponibile – da un venditore a un compratore in cambio di denaro.

Cos’è il mercato?

Il mercato, come meccanismo di regolazione complessivo dell’economia, è l’insieme delle transazioni basate sulla formazione di prezzi fluttuanti a seconda della domanda e dell’offerta.

La nascita della società di mercato

Secondo Karl Polanyi:

  • La società di mercato nasce storicamente quando il denaro e i sistema dei prezzi consentono di quantificare monetariamente non solo le merci, ma anche il capitale la terra e il lavoro.
  • Il denaro in particolare esprime il rapporto economico tra gli oggetti in termini astrattamente quantitativi, conservandosi integralmente al di fuori di quelle relazioni.

Lo sradicamento sociale dell’economia basata sullo scambio di mercato

Sradicamento sociale:

Lo scambio di mercato, basato su rapporti puntuali e di mera convenienza economica, tende a sradicarsi dalle relazioni sociali e dai vincoli culturali e politici.

Autoregolazione:

L’economia basata sullo scambio di mercato tende ad autoregolarsi.

Lo sradicamento sociale dell’economia basata sullo scambio di mercato

  • L’economia regolata dal mercato si basa sulla proprietà privata dei mezzi di produzione e sul fatto che anche il lavoro è fornito per un compenso fissato dalle parti con una contrattazione di mercato.
  • L’istituzione fondamentale della produzione del commercio è l’impresa capitalistica, esclusivamente orientata all’attività economica e distinta dalla famiglia.
  • L’economia è anche distinta dalla politica: le merci non sono prodotte su ordine dell’autorità costituita e le quantità e i prezzi non sono fissati per decreto.

Il modello formale economicistico del funzionamento del mercato

La formazione dei prezzi:

Il meccanismo logico di funzionamento del mercato basato su domanda, offerta e prezzi sostiene che esiste:

  • Una relazione inversa tra la domanda di una merce e il suo prezzo.
  • Una relazione diretta tra l’offerta di una merce e il suo prezzo.
  • Un punto d’incontro tra il livello della domanda e dell’offerta che genera il prezzo d’equilibrio.

Figura 1.
Rappresentazione grafica del meccanismo di formazione dei prezzi.

AS = curva dell’offerta
AD = curva della domanda
P’ = prezzo d’equilibrio

Rappresentazione grafica del meccanismo di formazione dei prezzi

Rappresentazione grafica del meccanismo di formazione dei prezzi


Adam Smith (1723-1790) e la fondazione dell’economia politica

La “mano invisibile” del mercato:

  • Per descrivere il funzionamento del mercato Adam Smith utilizzò la metafora della “mano invisibile”.
  • Il mercato, come una specie di mano invisibile – sosteneva Adam Smith – è capace di combinare una miriade di singoli scambi, ognuno motivato da un interesse particolare, in un effetto complessivo di regolazione dell’economia che nessuno degli attori si proponeva e neppure immaginava.

Effetti sistemici dello scambio di mercato

La “mano invisibile” del mercato:

  • Il mercato è un sistema di regole che rende possibile rapporti tra gli uomini non basati sull’affetto, ma semplicemente fondati sull’interesse reciproco.
  • Il mercato è in grado di ricondurre le spinte egoistiche ad un vantaggio collettivo, senza una disposizione di reciproca benevolenza.

Usando le parole di Adam Smith…

«Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio e del panettiere che noi ci attendiamo il nostro pranzo, ma dalla cura dei loro propri interessi. Noi ci affidiamo non alla loro umanità ma al loro egoismo e non parliamo mai con loro delle nostre necessità, ma piuttosto dei loro vantaggi».

(Smith 1973, p.13)

Conclusione: l’economia di mercato e lo sradicamento sociale dell’economia

Il funzionamento dello scambio di mercato:

  • Lo scambio di mercato, puntuale ed utilitaristico, tende a sradicarsi dai vincoli sociali, culturali e politici.
  • L’economia basata sul mercato tende ad autoregolarsi e a svincolarsi dal quadro istituzionale.
  • Con l’affermarsi dello scambio di mercato nasce l’economia politica moderna.
  • La metafora della “mano invisibile”: il mercato è capace di ricondurre le spinte egoistiche ad un vantaggio collettivo.

Prossima lezione

Differenti tipologie di mercato. Come si combinano nei diversi modelli di capitalismo

Il raccordo tra economia di mercato e società:

  • Tipologie di mercato: concorrenza, oligopolio, monopolio.
  • Economia e sistema istituzionale.
  • La regolazione politica dell’economia.
  • Forme di regolazione e differenti capitalismi nazionali.

Le lezioni del Corso

I materiali di supporto della lezione

Smith A., Indagine sulla natura e le cause della ricchezza delle nazioni, ISEDI, Milano, 1973.

Bagnasco A, Barbagli M., Cavalli A., Sociologia. III Organizzazione sociale popolazione e territorio, Bologna, il Mulino, 2001 (capp. 1, 2, 3).

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion