Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Enrico Rebeggiani » 8.Le misure dell'economia: produzione, lavoro e consumo (fonti statistiche, indicatori, metadati)


Le fonti statistiche: alcune dimensioni di classificazione

Tipologie di fonti:

  • Ufficiali o non ufficiali, in relazione all’organismo che produce i dati.
  • Autonome o amministrative, se i dati vengono raccolti a fini amministrativo o meno.
  • Continuative, periodiche o occasionali, a seconda della tempistica della rilevazione.
  • Di stato o di flusso, se i dati si riferiscono ad una rilevazione relativa ad un dato momento o se si riferiscono ad un intervallo di tempo.
  • Censuarie o campionarie, se si riferiscono all’insieme della popolazione o ad una parte.

Le caratteristiche della fonte statistica

Microdati:

Ci si riferisce ai dati elementari, cioè relativi alla singola unità da cui sono stati rilevati.

Macrodati:

Si definiscono tutti i dati che sono il risultato di un calcolo effettuato sui microdati, secondo criteri definiti.

Metadati:

Sono costituiti da tutte le informazioni di carattere qualitativo e quantitativo riguardanti le modalità di produzione dei dati.

La qualità del dato statistico: un concetto multidimensionale

Le dimensioni della qualità del dato:

  • Rilevanza: è relativa al contesto in cui si utilizza il dato.
  • Trasparenza: si riferisce all’accessibilità e dall’usabilità della fonte.
  • Comparabilità: si riferisce alla possibilità di compiere confronti spazio-temporali dei dati statistici riguardanti un dato fenomeno.
  • Coerenza: si riferisce alle modalità di costruzione dei dati (standard metodologici, definizioni e classificazioni omogenee).
  • Accuratezza: riguarda il grado di corrispondenza fra i valori ottenuti ed i valori reali della caratteristiche nella popolazione di riferimento.
  • Tempestività: connessa all’intervallo temporali che intercorrono tra il momento di rilevazione e quello di diffusione.
  • Completezza: consiste nella sua capacità di fornire un quadro informativo esaustivo del dominio di interesse.

L’uso dei dati statistici: le analisi secondarie

In cosa consiste un’analisi secondaria:

È ogni analisi relativa ad informazioni che sono state ottenute in precedenza con finalità e problematiche anche diverse da quelle originarie per cui sono stati collezionati i dati.

I vantaggi:

Le analisi secondarie consentono di leggere i dati collezionati da molteplici punti di vista eliminando i costi e i tempi della fase di raccolta.

L’Istituto Nazionale di Statistica: ISTAT

L’organismo italiano di produzione di statistiche:

  • L’ISTAT è stato istituito nel 1926
  • Ha compiti di indirizzo e coordinamento del Sistema Statistico Nazionale (SISTAN)
  • Predispone il Piano statistico nazionale
  • Esegue Censimenti e altre rilevazioni ufficiali
  • Predispone nomenclature e cura le metodologie ufficiali
  • Pubblica dati e ricerche
  • Ha rapporti con le organizzazione statistiche internazionali

Risorse:

Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT)

Il sistema statistico nazionale: il SISTAN

Una rete nazionale per l’informazione statistica:

  • Con la legge 322/89 è stato istituito il SISTAN.
  • Il coordinamento è affidato all’ISTAT.
  • Fanno parte del SISTAN gli enti e organismi pubblici d’informazione statistica, gli uffici di statistica delle amministrazioni e degli enti pubblici, delle Cciaa, delle aziende sanitarie e gli uffici di statistica dei soggetti privati che svolgono funzioni di interesse pubblico.
  • L’obiettivo è quello di garantire l’unità di indirizzo, l’omogeneità dei metodi e della razionalizzazione dei flussi dell’informazione statistica ufficiale.

Risorse:

Sistema Statistico Nazionale (SISTAN)

L’ufficio statistico delle Comunità Europee: EUROSTAT

L’informazione statistica in Europa:

  • L’EUROSTAT è stato fondato nel 1958.
  • Ha il compito di creare le condizioni per l’elaborazione di statistiche armonizzate e compatibili nei paesi membri dell’Unione Europea.
  • Promuove l’adozione di un linguaggio statistico comune: standardizzazione, classificazione, omogenizzazione, ecc.
  • Coordina il Sistema Statistico Europeo (SSE) che comprende tutti gli organismi statistici ufficiali degli stati membri.
  • Coordina il SS e riceve, controlla, armonizza e diffonde l’informazione statistica.

Risorse:

L’ufficio statistico delle Comunità Europee (EUROSTAT)

Le fonti statistiche relative alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione

Le principali fonti statistiche:

  • ISTAT, sezione “Sviluppo e innovazione”: dati ed analisi sull’uso delle ICT nelle imprese e nella PA, le ICT nelle famiglie e l’utilizzo da parte degli individui.
  • EUROSTAT, sezione “Information Society Statistics”: dati comparati a livello europeo sulla diffusione e l’uso delle ICT nelle imprese, nella PA, nelle famiglie e tra gli individui; dati sulle politiche per lo sviluppo della società dell’informazione, sull’e-Commerce, sulle e-skills degli individui.
  • OECD, sezione “Information and Communication Technology”: documenti con analisi e dati comparati sullo sviluppo delle ICT nei paesi Ocse.

La rappresentazione dei dati

I dati statistici hanno un forte potere persuasivo

e in quanto “dati” tendono a presentarsi come informazione intrinsecamente autorevole.

Questo pone due questioni:

  • La ricerca della massima cura nella scelta delle fonti e nella correttezza dell’elaborazione quando si producono dati
  • La massima attenzione analitica nell’utilizzo di dati, specie quando sono presentati in forma grafica e intuitiva.

In ogni caso la selezione dei dati e la limitazione del corredo statistico vanno a vantaggio dell’attenzione

Risorse:

E. Tufte sulla presentazione delle informazioni quantitative (en)

La rappresentazione dei dati

Presentazione di Hans Roslings alla TED-conference del 2007

Conclusioni: le fonti statistiche

L’uso delle fonti statistiche:

  • I dati statistici rappresentano una risorsa cruciale per l’analisi dei fenomeni sociali ed economici.
  • L’utilizzo dei dati statistici presuppone una conoscenza approfondita della fonte e della natura dei dati (Metadati).
  • I principali istituti di statistica a livello nazionale e internazionale offrono numerose fonti di dati relative alla diffusione delle ICT nelle imprese, nella pubblica amministrazione, nelle famiglie e tra gli individui.
  • La presentazione grafica delle informazioni statistiche ha notevole impatto comunicativo

Prossima lezione

I dilemmi della compatibilità socio-ambientale dello sviluppo

Il modello di sviluppo alla luce delle disuguaglianze globali e della crisi ambientale:

  • Questioni di compatibilità sociali dello sviluppo economico, con particolare attenzione all’equa distribuzione delle risorse.
  • La sostenibilità ambientale del modello di sviluppo e il paradigma dello sviluppo sostenibile.
  • La critica radicale alla crescita economica: l’approccio della decrescita.
  • L’impatto ambientale sull’utilizzo energetico della new economy.

Le lezioni del Corso

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion