Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Stefano D'Alfonso » 8.Le Fonti del diritto - parte quinta


Art.7 Tuel Regolamenti

La fonte endogena “regolamento provinciale e regolamento comunale” disciplinati dall’art. 7 del TUEL.
È ivi previsto
“Nel rispetto dei principi fissati dalla legge e dallo statuto, il comune e la provincia adottano regolamenti nelle materie di propria competenza ed in particolare per l’organizzazione e il funzionamento delle istituzioni e degli organismi di partecipazione, per il funzionamento degli organi e degli uffici e per l’esercizio delle funzioni”.
Sono quindi tracciati i limiti e l’ambito d’applicazione.

Regolamenti provinciali e comunali

Premessa.
Per natura potere regolamentare si rinvia a quanto detto supra.
Importante ruolo dei regolamenti provinciali e comunali sia rispetto all’attività di tali enti – quindi rispetto all’azione politico-amministrativa – sia rispetto al rapporto con le altre fonti del diritto.
Collocazione nel sistema delle fonti.
Fonte secondaria.
Nel contesto delle fonti endogene.
Dal Tuel deriva la subordinazione allo Statuto.

Rilevanza normativa

Lo strumento è formalmente atto amministrativo.
L’impatto esterno dello stesso ne conferisce natura normativa (rectius, caratteristiche tipiche atto normativo).
Limiti:
L’articolo 7 TUEL specifica che il regolamento incontra i limiti tracciati dai principi fissati dalle leggi dello Stato e delle regioni – secondo la ripartizione sancita in Costituzione e dalla giurisprudenza costituzionale e i limiti dianzi enunciati – nonché dello Statuto dell’ente.

Sindacabilità regolamenti

Antinomie giuridiche.
Competenza.
Sindacabili dal giudice ordinario e amministrativo:

  • Giudice ordinario può disapplicare il regolamento.
  • Giudice amministrativo può annullare il regolamento. In questo caso l’efficacia è erga omnes.

Limite rapporti esauriti.

Competenza e modalità per l’adozione

Organo competente Consiglio in via generale e Giunta limitatamente all’ordinamento degli uffici e dei servizi, pur nel rispetto dei criteri generali stabiliti dal consiglio.
Fonti di riferimento.
Art.42 Tuel “Attribuzioni dei consigli”
Il consiglio, che è l’organo di indirizzo e di controllo politico-amministrativo, ha competenza ad adottare “regolamenti salva l’ipotesi di cui all’art. 48, comma 3″.
Pubblicità → lo Statuto fissa le modalità di pubblicità e accesso.

Ulteriore previsione legislativa

La legge La Loggia articolo 4 attua l’articolo 114, secondo comma, e l’articolo 117, sesto comma, della Costituzione in materia di potestà normativa degli enti locali.
“I Comuni, le Province e le Città metropolitane hanno potestà normativa secondo i principi fissati dalla Costituzione. La potestà normativa consiste nella potestà statutaria e in quella regolamentare”.
L’organizzazione degli enti locali è disciplinata dai regolamenti nel rispetto delle norme statutarie.

L. n. 131/2003

Riserva regolamentare.
Comuni, Province e Città metropolitane disciplinano con regolamento:

  1. l’organizzazione degli enti locali;
  2. lo svolgimento e la gestione delle funzioni.

Limiti → (come già detto e qui ribadito) legislazione dello Stato o della Regione, che ne assicura i requisiti minimi di uniformità, secondo le rispettive competenze, conformemente a quanto previsto dagli articoli 114, 117, sesto comma, e 118 della Costituzione.
Statuti
Potere normativo degli altri enti locali (es. unioni di Comuni, Comunità montane).

Tipologie di regolamento

1. Regolamenti per il funzionamento degli organi
Il riferimento è agli organi di governo. Ad esempio il regolamento interno del consiglio comunale o provinciale. Anche delle circoscrizioni, allorquando previste dalla legge.
2. Regolamenti per il funzionamento degli uffici: competenza Giunta; criteri generali Consiglio.
3. Regolamenti per l’organizzazione e i funzionamento delle istituzioni: il riferimento è in particolare alle istituzioni che operano nell’ambito delle politiche sociali.

Tipologie di regolamento (segue)

4. Regolamento per l’organizzazione e il funzionamento degli organismi di partecipazione. Ricordiamo che l’art. 8 Tuel rubricato Partecipazione popolare dispone che i “comuni, anche su base di quartiere o di frazione, valorizzano le libere forme associative e promuovono organismi di partecipazione popolare all’amministrazione locale. I rapporti di tali forme associative sono disciplinati dallo statuto”.
5. Regolamenti per la disciplina delle entrate tributarie e patrimoniali. È la legge statale che delega il comune a disciplinare la materia. es. soggetti passivi e aliquote. Il regolamento potrà, nei limiti tracciati dalla legge statale, anche derogare alla legge statale.

Tipologie di regolamento (segue)

Regolamenti di contabilità. Ciascun ente locale applicherà quanto disposto dal Tuel pur in considerazione delle specificità della propria organizzazione.
Regolamenti per l’esercizio delle funzioni. Categoria molto ampia. Sono comprese sia le funzioni c.d. proprie sia quelle delegate.
Si annoverano tra questi i regolamenti edilizi.

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion