Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Emilia D'Antuono » 2.Identità e storia della Bioetica, parte seconda


Etica e bioetica

Identità e storia della Bioetica, parte seconda

Due metafore: Bioetica «scienza di sopravvivenza» e «ponte per il futuro»

«Gli uomini costruiscono troppi muri e mai abbastanza ponti»
Isaac NEWTON.

Ponte come metafora:

  • abbattimento delle barriere;
  • nesso tra i saperi;
  • imprescindibilità di correlazioni nel mondo globalizzato;
  • globalizzazione dei problemi e delle risposte.
Isaac Newton

Isaac Newton


Le definizioni

Per cominciare a delineare la cosa bioetica si può fare riferimento a definizioni ritenute canoniche, cominciando proprio dall’Encyclopedia of Bioethics, punto di riferimento internazionale in materia.

Le definizioni, una del 1978 e l’altra del 1995, rivelano il progressivo ampliamento di orizzonti della bioetica, a riprova del peso della storicità sulla strutturazione di questo sapere e della sua identità in fieri.

L’Encyclopedia of Bioethics

1978: «La bioetica è lo studio sistematico del comportamento umano nel campo delle scienze della vita e della salute quando questo comportamento è esaminato alla luce di valori e principi morali».

1995: «Bioetica è un termine composto, derivato dalle parole greche bios e ethikè. Essa può essere definita come lo studio sistematico delle dimensioni morali, incluse la visione morale, le decisioni, la condotta e le politiche, delle scienze della vita e della cura della salute, usando diverse metodologie etiche in un quadro interdisciplinare».

G. BERLINGUER, Che cosa è la bioetica, intervista

G. BERLINGUER, La bioetica in Italia, intervista

La Bioetica secondo G. Hottois

Chiara senza sminuirne la complessità è la definizione che di bioetica dà Gilbert Hottois:

«un insieme di ricerche, di discorsi e di pratiche generalmente pluridisciplinari, aventi ad oggetto la chiarificazione o la risoluzione delle questioni di carattere etico suscitate dall’avanzamento e dall’applicazione delle tecnoscienze biomediche».
G. Hottois, Le mots de la bioethique, Bruxelles, 1995.

La Bioetica secondo G. Hottois

Secondo Hottois la bioetica:

«Non è né una disciplina, né una scienza, né un’etica nuova. La sua pratica e il suo discorso si situano nell’intersezione di più tecnoscienze, di scienze umane e di discipline che non sono esattamente scienze: l’etica innanzitutto, il diritto, e in maniera generale la filosofia e la teologia».
G. Hottois, Le mots de la bioethique, Bruxelles, 1995.

Per meglio definire questo sapere nuovo, risulta necessario sottolinearne la collocazione interstiziale: la bioetica costituisce il punto di confluenza di più istanze.

A. PORCARELLI, Natura interdisciplinare della bioetica, testo

Un sapere interstiziale…

  • Con il termine “discorsi” si vuole sottolineare l’elaborazione progressiva di questo sapere e la sua codificazione.
  • Mentre con il termine “pratiche” Hottois evidenzia il ruolo di “comitati commissioni, consigli [...] ed anche: funzioni, professioni specializzazioni individuali”.
Discorsi e pratiche

Discorsi e pratiche


Prossima lezione

Identità e storia della Bioetica, parte terza

I materiali di supporto della lezione

E. D'Antuono, Bioetica, Napoli, 2003, cap. I

G. Hottois, Les mots de la bioéthique, Bruxelles, 1995

Encyclopedia of Bioethics, Vol. 3, by Warren Thomas Reich, New York, 1995

A. PORCARELLI, Natura interdisciplinare della bioetica, testo

G. BERLINGUER, Che cosa è la bioetica, intervista

G. BERLINGUER, La bioetica in Italia, intervista

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion