Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica
 
I corsi di Sociologia
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Emilia D'Antuono » 19.Bioetica e Ambiente


Bioetica e Ambiente

Il concetto di Natura

Prof. Emilia D’Antuono

Il concetto di Natura

IN RAPPORTO ALL’UOMO

  1. Il modello antropocentrico: l’uomo come entità naturale superiore e privilegiata
  2. Il modello partecipativo: l’uomo come parte integrante dei processi della biosfera

IN RAPPORTO ALLO SVILUPPO

  1. Visione fissista/preservazionista: la natura come entità statica e immutabile
  2. Visione evoluzionista: la natura concepita darwinianamente come entità in continua evoluzione

P. PAGANO, Antropocentrismo, biocentrismo, egocentrismo, articolo

Natura è concetto storico-culturale, “Flora” affresco di Stabia-Pompei

Natura è concetto storico-culturale, "Flora" affresco di Stabia-Pompei


Nozioni introduttive

Che cos’è l’Ecologia?

  • “La scienza comprensiva delle relazioni dell’organismo con l’ambiente” E. Haeckel, 1860
  • “La scienza che studia i sistemi ecologici” A. Farina 2004
  • “Un sistema ecologico è un insieme di oggetti viventi e non viventi tra loro legati da relazioni che chiamiamo proprietà emergenti. Un sistema ecologico è una porzione del mondo reale che in qualche misura percepiamo o che abbiamo interesse a conoscere più da vicino”. Farina 2004
Ecosistemi

Ecosistemi


Nozioni introduttive

L’ecologia è la scienza che studia i sistemi ecologici in quanto sistemi complessi, ossia Entità organizzative complesse che si strutturano secondo i seguenti livelli:

  • Individuo/organismo: unità costitutiva per le strutture successive
  • Popolazione: insieme di individui (della stessa specie). Numero e rapporto tra gli organismi ne caratterizzano struttura e funzioni
  • Comunità: insieme di popolazioni di specie differenti.
  • Paesaggio: mosaico di comunità differenti organizzate da costrittori ambientali e soprattutto dall’uomo.
Sistemi complessi

Sistemi complessi


Ecosistema

L’ecosistema, come modello o struttura, può essere definito secondo due differenti accezioni:

I Definizione (Corologica): unità spazialmente esplicita della terra che include tutti gli organismi oltre che tutti i componenti dell’ambiente abiotico compresi nei suoi confini.
N.B. in questo senso si colloca tra la comunità e il paesaggio.

II Definizione (funzionale): struttura organizzativa trasversale che prende in considerazione i rapporti tra le entità biologiche e i processi.

L’impatto ambientale

Le questioni relative all’impatto ambientale delle attività umane si organizzano su tre fronti strettamente interconnessi:

  • Inquinamento
  • Consumo di risorse
  • Riduzione della biodiversità
Biodiversità

Biodiversità


L’impatto ambientale

Le cause principali vanno rintracciate:

  • nell’aumento dei regimi produttivi industriali
  • nell’incremento demografico e degli standard alimentari
  • e in un più generalizzato squilibrio planetario mosso da eventi collaterali
Emissioni di diossido di carbonio al 2000 da worldmapper.com

Emissioni di diossido di carbonio al 2000 da worldmapper.com


La Biodiversità- Livelli e Valore

La parola è stata coniata in modo casuale nel 1986 all’interno di un documento destinato al Congresso degli Stati Uniti.

Una commissione specifica (U.S.A. OTA) ha affermato che:

“La biodiversità si riferisce alla varietà degli organismi viventi e alla variabilità che esiste sia tra di essi sia tra i complessi ecologici in cui essi si trovano. essa può essere definita come numero e frequenza relativa di oggetti diversi organizzati a molti livelli, dagli ecosistemi completi alle strutture chimiche che costituiscono la base dell’eredità. Perciò il termine comprende diversi ecosistemi, specie, generi e la loro abbondanza relativa.” (OTA, 1987)

Questa definizione sancisce il valore della biodiversità in quanto tale e come risorsa per l’uomo e per il pianeta; in questa direzione la biodiversità viene riconosciuta in tutte le sue forme: dal gene alla singola specie alla varietà di specie, di comunità e di paesaggio.

Biodiversità

Biodiversità


Riduzione della Biodiversità

La riduzione della biodiversità è in processo complesso causato da diversi ordini di fattori e diversi livelli di condizionamento. Tra le cause principali e più evidenti possiamo rintracciare:

  • Eliminazione di interi ecosistemi
  • Introduzione o eliminazione coatta di specie (possibile causa di inquinamento genetico)
  • Riduzione dei tempi evolutivi
  • Creazione di stati di dominio di una specie
  • Distruzione degli ammortizzatori biologici
  • Interventi genetici sulle piante e introduzione non controllata di coltivazioni GM (rischio della cosiddetta deriva genetica)

Riferimenti al panorama normativo

1974 Conferenza di Asilomar (impatto delle procedure e dei prodotti biotecnologici)

1992 Convenzione di Rio de Janeiro sulla diversità biologica

1993 Convenzione di Lugano sulla responsabilità per i danni all’ambiente

1999 Protocollo di Cartagena (precauzione e biosicuirezza)

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion