Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Sociologia
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Alberto Baldi » 4.I sistemi di classificazione dei reperti nella cultura materiale


Procedure di catalogazione di beni demo-etno-antropologici materiali ed immateriali

(a cura di Michela Forgione)

INTRODUZIONE

Lo sbiadimento, la scomparsa o la riformulazione e la rifunzionalizzazione di un patrimonio di conoscenze e di manufatti originari di contesti rurali, marinari e alpini preindustriali, mentre da un lato riconduce alla necessità di elaborare strategie interpretative atte a leggere tali cambiamenti e tali riformulazioni entro una cornice che è quella del multiculturalismo, del “glocale” e di sempre più rapidi processi di ibridazione culturale dall’altro impone, spesso nell’ottica della conservazione e della museificazione, di attivare campagne e procedure di ricerca, raccolta, catalogazione, classificazione e quindi esposizione della vasta congerie di oggetti, espressioni passate di attività lavorative, rituali e culturali di cui altrimenti si perderebbe traccia.

vedi testo completo in “Introduzione

Beni materiali ed immateriali: territorio, rilevamento, documentazione

Gli oggetti d’interesse demo-etno-antropologico vengono suddivisi in materiali e immateriali, anche se tale distinzione non va intesa in modo troppo rigido ed esclusivo.

Ogni oggetto racchiude in sé una polisemicità culturale, poiché in esso si esprimono sia strumentalità sia espressività e saperi.

vedi testo completo in “Beni materiali ed immateriali: territorio, rilevamento,documentazione

Metodologie di catalogazione

Ai fini della conservazione, tutela e valorizzazione del patrimonio culturale, affinché si diffonda una sua conoscenza e un suo riconoscimento, sono stati ideati sistemi di classificazione dei beni DEA, ossia beni demo-etno-antropologici, voluti dal Ministero per i Beni e le Attività culturali.

A livello statale la struttura competente per la catalogazione del patrimonio culturale è l’Istituto centrale per il catalogo e la documentazione (ICCD).

vedi testo completo in “Metodologie di catalogazione

La scheda BDM

Lo strumento che viene utilizzato per la catalogazione di beni DEA materiali è la nuova BDM, pubblicata nel 2000. Relativamente al livello di ricerca, se d’archivio o sul campo, si distinguono due livelli, di precatalogazione e di catalogazione e due diversi modi di compiere la schedatura.

vedi testo completo in “La scheda BDM

La scheda BDI

La scheda BDI per i beni DEA immateriali rappresenta un tracciato al momento sperimentale mediante il quale si è cercato di offrire uno strumento unificato per catalogare una pluralità di beni, quali giochi, danze, comunicazioni non verbali, autobiografie, saperi, tecniche, etc.

vedi testo completo in “La scheda BDI

Le schede FPF e AMRP

Nel 2000 inoltre, sono state elaborate due specifiche schede per la catalogazione delle feste.

La scheda Festa progetto finalizzato ossia FPF, e la scheda Archivio multimediale della ritualità piemontese, AMRP.

vedi testo completo in “Le schede FPF e AMRP

Altre esperienze catalografiche

Ulteriori schede di catalogazione dei beni demoetnoantropologici sono state elaborate, nel tempo, nell’ambito di università, istituti di ricerca, Regioni.

vedi testo completo in “Altre esperienze catalografiche

I materiali di supporto della lezione

Bianco C., Dall'evento al documento, Roma, Cisu, 1994 .

Bravo G. L., Tucci R., I beni culturali demoetnoantropologici, Roma, Carocci, 2006.

Canclini N. G., Culture Ibride, strategie per entrare ed uscire dalla modernità, Milano, Guerini Studio, 1998.

Cirese A. M., Cultura egemonica e culture subalterne, Palermo, Palumbo, 1973.

Cirese A. M., Oggetti segni musei, Torino, Einaudi, 1977.

Clemente P., Graffiti di museografia antropologica italiana, Siena, Protagon, 1996.

ICCD, Strutturazione dei dati delle schede di catalogo, Beni demoetnoantropologici Materiali. Scheda BDM, norme di compilazione a cura di P. E. Simeoni, ICCD- MNATP, Roma, 2000.

ICCD, Beni demoetnoantropologici Immateriali. Scheda BDI, prima parte, norme di compilazione a cura di R. Tucci, ICCD, Roma, 2002.

ICCD, Beni demoetnoantropologici Immateriali. Scheda BDI, seconda parte, norme di compilazione a cura di R. Tucci, ICCD, Roma, 2006.

Altre esperienze catalografiche

Beni materiali ed immateriali

Bibliografia

Introduzione

La scheda BDI

La scheda BDM

Le schede FPF e AMRP

Metodologie di catalogazione

Procedure di catalogazione

Sitografia

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion