Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Giancarlo Ragozini » 5.La valutazione della qualità


La Valutazione della Qualità

La prospettiva della VALUTAZIONE

E’ il sistematico accertamento della gestione e dei risultati di un programma o di una politica, in relazione ad un insieme di standard impliciti, come mezzo per contribuire al miglioramento del programma o della politica oggetto della valutazione (Weiss, 1998).

La Valutazione della Qualità (segue)

“Sembra che intorno all’idea di valutazione si sia costruito uno spazio ideologico ruotante su due poli:

  • un polo negativo, costituito dalle nozione di repressione, selezione, sanzione, controllo;
  • ed un polo positivo, costituito dalle nozioni di progresso, cambiamento, adattatamento, razionalizzazione” (Barbier, 1997).

La Valutazione della Qualità (segue)

Tre tappe dell’attuazione dei processi valutativi

  • La valutazione per il miglioramento: la valutazione serve per individuare punti di forza e di debolezza per pianificare attività di miglioramento.
  • La valutazione del miglioramento: la AS attua una valutazione delle iniziative intraprese per il miglioramento per analizzarne gli effetti.
  • La valutazione come miglioramento in sè: la valutazione istituzionalizzata si è diffusa in tutti i sottosistemi e diventa un modo abituale di affrontare e risolvere i problemi.

La Valutazione

  • Perché valutare
  • Chi valuta
  • Cosa valutare
  • Come valutare

La Qualità nei Servizi

Perché valutare

  • Il nuovo quadro normativo contempla la valutazione (Riforma dell’Istruzione, Riforma dei Servizi Sanitari, Legge 328 sui Servizi Sociali, etc.).
  • Razionalizzare l’utilizzo di risorse sempre più scarse.
  • Migliorare il processo di erogazione del servizio.
  • Migliorare gli esiti del processo di erogazione del servizio.
  • Ridurre gli insuccessi o gli sprechi.

La Valutazione dei Servizi

  • Chi valuta
  • Valutatori interni
    • Autovalutazione.
  • Valutatori esterni
    • Carta dei Servizi, Accreditamento e Certificazione.

Accreditamento

Accreditamento Istituzionale

  • Valutazione professionale sistematica e periodica mirante a garantire la presenza di requisiti strutturale e organizzativi ritenuti minimi per garantire l’utente.
  • Essa e di tipo autorizzativo e obbligatorio.
  • Non prevede coinvolgimento degli operatori, né interventi valutativi. Non promuove il miglioramento.

Accreditamento di eccelenza

  • Valutazione sistematica e periodica volontaria volta a garantire che la qualità del servizio vada oltre i livelli minimi e il processo migliori.
  • Essa è di tipo incentivante.
  • Coinvolge parte degli operatori e tende al miglioramento.

Certificazione

  • È un atto formale di riconoscimento da parte di un Ente esterno che attesta che l’ASP mette in atto attività pianificate e documentate per garantire che i propri servizi siano concepiti, sviluppati e erogati secondo standard prestabiliti.
  • Avviene secondo precise norme internazionali UNI EN ISO 9000:1994.
  • Fa valere in modo contrattuale il proprio Sistema Qualità nei confronti del cliente.

Certificazione (segue)

Il suo principio base è: scrivi quello che fai, fai quello che hai scritto, dimostra quello che hai fatto, pensa a come migliorarlo.

Il Sistema Qualità si articola in:

  • Manuale della qualità (descrive il dove);
  • Procedure (contiene il cosa e il chi);
  • Protocolli (descrive il come).

Tali norme però soffrono di

  • Genericità;
  • Applicabilità limitata;
  • Staticità.

Certificazione (segue)

Nuove norme VISION 2000 o ISO 9001:2000.

Spostano l’attenzione dalla mera certificazione alla soddisfazione dei bisogni dell’utente e promuove un approccio di una gestione per processi per accrescere continuamente la qualità.


Carta dei Servizi

Documentazione scritta, orientata alla comunicazione esterna e rivolta agli utenti, attraverso la quale la ASP esplicita i orientamenti, definisce le prestazioni che si impegna ad erogare e dichiara come intende operare in caso di disservizio

I suoi principi fondamentali sono:

  • Eguaglianza;
  • Imparzialità;
  • Continuità;
  • Diritto di scelta;
  • Partecipazione;
  • Efficienza ed efficacia.

Carta dei Servizi nella Scuola*

Documentazione scritta, orientata alla comunicazione esterna e rivolta agli utenti, attraverso la quale la scuola esplicita i orientamenti, definisce le prestazioni che si impegna ad erogare e dichiara come intende operare in caso di disservizio.

I suoi principi fondamentali sono:

  • Eguaglianza;
  • Imparzialità;
  • Trasparenza;
  • Accoglienza e integrazione;
  • Continuità;
  • Diritto di scelta;
  • Partecipazione;
  • Efficienza ed efficacia;
  • Libertà d’insegnamento.

*La Carta dei Servizi è stata introdotta in tutte le scuole di ogni ordine e grado a partire dal 1995.


Un confronto


La Valutazione

Chi valuta: il ruolo del Valutatore

Rapporto tra valutatori e stakeholders

  • Non è un mediatore di interessi;
  • È un facilitatore della crescita complessiva del sistema.

Il processo di valutazione

  • Deve essere partecipato e condiviso;
  • È necessario segnare i confini tra approcci partecipativi e di comodo entro cui la valutazione diventa negoziale.

Il valutatore deve esprimere eticità e renderla palese agli evaluandi

  • Approccio scientifico alla costruzione del dato che però non può essere non ideologico.

La Valutazione (segue)

Cosa valutare
L’efficacia e l’efficienza

  • Del processo;
  • Delle risorse umane, economiche e finanziaria;
  • Dell’organizzazione e del sistema;
  • Della soddisfazione dei bisogni.

La Valutazione (segue)

Cosa valutare

Efficacia attesa

  • La capacità potenziale (probabilità) di una certa prestazione di modificare in modo favorevole le condizioni di vita delle persone a cui è rivolta, quando essa venga applicata in condizioni ottimali (ad es. cosa si attendono gli utenti dall’ASP).

Efficacia pratica

  • I risultati espressi in termini di condizioni di vita ottenute dall’applicazione di routine di un certo intervento, in un preciso contesto operativo (ad es. le prestazioni andate a buon fine).

Competenza tecnico-scientifica

  • L’espressione del livello di applicazione, nel processo di erogazione del servizio, delle conoscenze scientifiche, delle abilità professionali e delle tecnologie disponibili per migliorare lo stato di bisogno della popolazione e il grado di soddisfazione degli utenti (ad es. utilizzo delle recenti tecnologie di comunicazione).

La Valutazione (segue)

Cosa valutare

Accettabilità

  • Il grado di apprezzamento del servizio ricevuto, da parte dell’utente (ad es. il consenso degli utenti).

Efficienza

  • Rapporto tra i risultati ottenuti dagli interventi e le risorse impiegate per realizzarli.

Accessibilità

  • La capacità del servizio di assicurare i servizi appropriati a tutti coloro che ne hanno bisogno (ad es. liste di attesa).

Appropriatezza

  • La capacità del sistema di offerta di erogare prestazioni che siano realmente utili ai singoli casi (ad esempio: capacità di gestire in modo diverso i casi urgenti rispetto alla routine).

La Valutazione (segue)

Come valutare

Misure di efficienza

  • delle risorse finanziare e delle risorse umane.

Misurazione di efficacia

  • Problemi: definizione degli obiettivi da raggiungere. Realizzazione non deterministica degli obiettivi (ad una certa azione non corrisponde sempre un determinato risultato).

Misurazione dell’Outcome

  • Problema: definizione del concetto di risultato.

Misurazione della Customer Satisfaction

  • Problema: definizione del cliente-utente.
  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion