Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Pietro Maturi » 19.Gli studi di William Labov a New York City


Variabili a New York City

  • William Labov affronta lo studio di due variabili sociolinguistiche nell’inglese di New York City:
    1. La variabile (th)
    2. La variabile (r)
  • I principali obiettivi sono:
    • Verificare la distribuzione diastratica delle varianti
    • Verificare la distribuzione diafasica delle varianti
    • Identificare le varianti di prestigio
    • Identificare e spiegare eventuali cambiamenti diacronici nell’uso delle varianti

La variabile (th)

  • In inglese con le lettere TH si possono rappresentare due diversi suoni:
    • In parole come think, thing, three, both, ecc., le lettere TH corrispondono alla fricativa dentale sorda [θ]
    • In parole come this, that, the, with, ecc., le lettere TH corrispondono alla fricativa dentale sonora [ð]
  • Ciascuno di questi due suoni in alcune varietà dell’inglese può avere diverse varianti. Si tratta quindi di due variabili. Per distinguerle l’una dall’altra Labov chiama la prima variabile (th) e la seconda variabile (dh)
  • Qui approfondiremo solo la prima, la variabile (th), che nell’inglese di New York presenta tre varianti:
    • la variante [θ], fricativa dentale sorda, che corrisponde alla pronuncia standard
    • la variante [tθ], affricata dentale sorda
    • la variante [t], occlusiva dentale (o alveolare) sorda
    • In altri termini, una parola come three viene pronunciata a New York in tre modi diversi: [θri], [tθri], [tri].

Uso delle varianti di (th)

  • Per studiare l’uso di (th) a New York, Labov seleziona un campione di parlanti di diversa classe sociale e osserva quali varianti di (th) usano in diversi contesti o stili linguistici
  • Gli stili presi in considerazione, dal più informale al più ricercato, sono: conversazione informale, conversazione formale, lettura di un brano, lettura di una lista di parole
  • I risultati principali si possono così riassumere:
    • Le classi sociali più alte usano la variante [θ] più spesso delle classi basse
    • Ogni classe usa la variante [θ] più spesso negli stili più ricercati
  • Di conseguenza la variabile (th) presenta sia stratificazione sociale sia stratificazione stilistica ed è quindi un contrassegno (ossia una variabile sensibile sia alla dimensione diastratica sia a quella diafasica)

La variabile (r)

  • In inglese esiste una variabile (r) per quanto riguarda la pronuncia di questo suono in alcune posizioni nella parola
  • Davanti a una vocale questo suono è sempre pronunciato (p.es. rose, true, Mary, ecc.) e quindi non è variabile
  • In altre posizioni, invece, e cioè davanti a una consonante (p.es. word, arm) oppure alla fine di parola (p.es. car, four) esistono due possibili varianti:
    1. la (r) viene pronunciata, quindi variante [r]
    2. la (r) non viene pronunciata affatto, quindi variante [Ø], cioè zero
  • Una parola come four, quindi, è pronunciata in due modi: [for] o [fo:].

Variante di prestigio

  • Nell’inglese britannico, la variante considerata standard usata dalle classi medio-alte e preferita nei contesti formali è la variante [Ø]
  • Lo stesso vale nell’area nord-orientale degli Stati Uniti, il cosiddetto New England
  • La città di New York condivideva lo stesso modello di tipo britannico almeno fino agli anni ‘30 del Novecento
  • I dati di Labov, raccolti negli anni ‘60, mostrano invece una situazione profondamente modificata:
  • Le classi medio-alte preferiscono sistematicamente la variante [r]
  • Tutti i gruppi sociali tendono a usare un maggior numero di [r] negli stili formali
  • Evidentemente, la variante di prestigio nell’inglese di New York non è più [Ø] ma [r]

L’ipercorrettismo.

  • Nella regolarità dello schema emerge un elemento “anomalo”: la classe medio-bassa negli stili più formali ha una tendenza a usare la variante di prestigio ancora di più della stessa classe medio-alta
  • In altri termini, la classe medio-bassa adotta un modello di riferimento, considerato “corretto”, ma supera lo stesso modello. Tale comportamento è chiamato ipercorrettismo
  • Secondo Labov, l’ipercorrettismo della classe medio-bassa va attribuito alla sua “insicurezza”, cioè alla sua insoddisfazione per il proprio status e alla sua ansia di migliorare la propria immagine
  • Lo stesso risultato è stato osservato anche da altri studiosi, che hanno sostituito alla categoria di classe sociale quella di grado di istruzione. In questo caso, è il gruppo dei diplomati a scavalcare quello dei laureati nell’uso della variante di prestigio negli stili più formali
  • Se si confrontano le risposte in base al genere, sono le donne a mostrare una tendenza ipercorretta, quindi una maggiore insicurezza dovuta evidentemente allo svantaggio sociale che subiscono

I test di reazione soggettiva

  • Oltre a studiare l’uso delle varianti, Labov svolge alcuni esperimenti per osservare il modo in cui i soggetti valutano l’uso delle varianti negli altri
  • A questo scopo, egli utilizza il test di reazione soggettiva, che consiste nel far ascoltare a un soggetto alcune voci registrate e nel chiedergli di esprimere un giudizio, lungo una scala, sulle persone che ha ascoltato
  • Il risultato del test mostra una netta correlazione tra le risposte e l’età del soggetto che risponde: al di sopra dei 40 anni non si osserva nessuna particolare preferenza per una delle due varianti della variabile (r), mentre i soggetti fino ai 40 anni preferiscono decisamente le persone che usano la variante [r] e valutano negativamente quelli che usano la variante [Ø]

Datazione del cambiamento

  • Ciò consente a Labov di datare il momento in cui la variante [r], precedentemente poco prestigiosa, ha acquisito prestigio. Considerando che il test si è svolto negli anni ‘60, e che i quarantenni hanno acquisito il loro sistema di valutazioni sulla lingua negli anni ‘30-’40, è possibile stabilire che il cambiamento nel prestigio di [r] risalga agli anni della II guerra mondiale
  • Secondo Labov, in quegli anni si ebbe un forte ricambio nella classe dirigente newyorkese: al posto di una élite di persone del New England, che usavano [Ø], si sostituì una nuova élite proveniente dal Mid West, che invece usava [r]
  • Ciò produce un effetto a catena, che porta la comunità linguistica ad associare valori positivi alla variante [r], usata dal gruppo al potere, e a modificare profondamente usi e atteggiamenti linguistici
  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion