Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Pietro Maturi » 3.La fonazione


Dal parlante all’ascoltatore

La trasmissione materiale di un segnale fonetico dal parlante all’ascoltatore avviene attraverso tre fasi:

  1. Il parlante produce – o meglio articola – i foni della sua lingua o dialetto per mezzo di alcuni organi detti organi fonatori che fanno parte del collo e del capo
  2. I segnali acustici così prodotti vengono trasmessi attraverso l’aria sotto forma di onde sonore
  3. L’ascoltatore riceve con le sue orecchie il segnale che il parlante ha prodotto e lo trasferisce al suo cervello che lo analizza e interpreta

Fonetica articolatoria, acustica, uditiva

Alle tre fasi sopra descritte corrispondono le tre sottodiscipline in cui è suddivisa la fonetica e che sono rispettivamente:

  1. La fonetica articolatoria (organi e movimenti per produrre suoni)
  2. La fonetica acustica (struttura fisica dei suoni)
  3. La fonetica uditiva e percettiva (funzionamento dell’orecchio e decodificazione del messaggio nel cervello)

In questo corso ci occuperemo unicamente della fonetica articolatoria.

L’apparato fonatorio

I foni sono prodotti da alcuni organi che, oltre a essere usati per parlare, fanno anche parte dell’apparato digerente e/o di quello respiratorio e che nel loro insieme formano l’apparato fonatorio.

Apparato fonatorio

Apparato fonatorio


L’apparato fonatorio

Fanno parte dell’apparato fonatorio i seguenti organi (vedi la figura precedente):

  • i polmoni, che mettono in movimento l’aria e la spingono verso l’esterno
  • i bronchi e la trachea, che incanalano l’aria e la dirigono verso la laringe
  • la laringe, organo molto complesso, nella cui parte centrale – che è detta glottide e contiene le pliche vocali – e si genera quella che viene definita sonorità o voce
  • la faringe, comune agli apparati respiratorio e digerente (è un punto di incrocio tra il percorso dell’aria e quello del cibo): da qui l’aria espiratoria prosegue verso l’esterno o attraverso le cavità nasali o attraverso la bocca
  • le cavità nasali, che consentono all’aria espiratoria di uscire dal corpo
  • il palato molle o velo del palato, parte molle del palato, posta in fondo al cavo orale

L’apparato fonatorio

  • l’ugola, propaggine del palato molle posta al centro della parte posteriore della bocca
  • la lingua, dotata di una radice fissata ai muscoli del collo, di un dorso e di un apice mobili grazie ai quali può assumere svariate forme e posizioni
  • il palato duro, sovrastante il cavo orale e fornito di struttura ossea a forma di cupola
  • gli alveoli, cioè la parte interna delle gengive, tra il palato e i denti
  • i denti, in particolare quelli incisivi superiori e inferiori
  • le labbra, che rappresentano la parte più esterna dell’apparato digerente e che a loro volta possono assumere diversi atteggiamenti e posizioni utilizzati nell’articolare i foni

La glottide

Nella parte centrale della laringe, detta glottide (al livello del pomo d’Adamo), sono due piccole pieghe della mucosa, le pliche vocali

  • Durante la normale respirazione le pliche sono rilasciate (glottide aperta)
  • Durante la fonazione le pliche possono invece tendersi unendosi tra loro (glottide chiusa) e rendendo difficile o bloccando per un istante il passaggio dell’aria
La glottide

La glottide


Sonorità e sordità

  • Quando la glottide si chiude mentre noi continuiamo a spingere l’aria verso l’esterno si viene a produrre una serie di velocissime aperture e chiusure che viene solitamente definito vibrazione glottidale e che corrisponde a ciò che chiamiamo voce o sonorità
  • E’ possibile percepire tale vibrazione appoggiando le punte delle dita sul collo all’altezza del pomo d’Adamo mentre si pronuncia in modo prolungato una vocale ‘aaaaa’ o alcune consonanti come ad esempio ‘vvvvv’. Si può anche verificare come pronunciando altre consonanti, come ‘fffff’ o ’sssss’, la vibrazione sia invece assente
  • Quest’ultimo esempio dimostra come evidentemente non tutti i suoni delle lingue prevedano una vibrazione glottidale
  • I foni con vibrazione glottidale sono detti sonori, quelli senza vibrazione sono detti sordi

Prossima lezione

La trascrizione fonetica

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion