Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Pietro Maturi » 13.Variazione, variabili, varianti


La variazione sociolinguistica

  • Se si osserva l’uso reale di qualunque lingua o dialetto, è facile verificare la presenza di fenomeni di variazione, ossia la presenza, in molti casi, di due o più possibili opzioni per lo stesso elemento della lingua
  • In italiano, ad esempio, si osserva variazione tra forme come siedo e seggo, visto e veduto, apparve e apparse, obiettivo e obbiettivo, col e con il
  • Nella maggior parte dei casi la variazione è correlata a una delle dimensioni lungo le quali la sociolinguistica analizza i comportamenti linguistici
  • In altri termini la scelta di una delle due opzioni non è casuale ma dipende da fattori esterni, per lo più di ordine sociale

Dimensioni della variazione

  • La variazione può essere correlata a:
    • Status sociale (professione, reddito, istruzione) dei parlanti = variazione diastratica
    • Provenienza geografica = variazione diatopica
    • Situazione comunicativa = variazione diafasica
    • Mezzo (parlato, scritto, computer, ecc.) = variazione diamesica
    • Genere (o sesso) del parlante = variazione diagenerica (o diasessuale)
    • Età del parlante = variazione diagenerazionale
    • Tempo = variazione diacronica
  • La variazione può anche risultare non correlata ad alcuna dimensione sociolinguistica = variazione libera

Variabili e varianti

  • Un elemento della lingua che presenta variazione, cioè che si può manifestare in due o più forme, è detto variabile
  • Ognuna delle forme in cui la variabile si può presentare è detta variante
  • Se prendiamo uno degli esempi visti sopra, possiamo dire che il participio passato del verbo vedere è una variabile e che visto e veduto sono le sue varianti
  • Una variabile si indica comunemente tra parentesi tonde, quindi ad esempio:

(part. pass. di vedere)

  • Le varianti si indicano tra parentesi quadre:

[visto]

[veduto]

Tipi di variabile

  • Una variabile e le sue varianti possono appartenere a uno dei diversi livelli della lingua
  • Avremo dunque:
    • Variabili fonetiche, come per esempio la variabile (s) nella parola casa, con le sue varianti [s] e [z]
    • Variabili morfologiche, come la variabile (part. pass. di vedere) con le sue varianti [visto] e [veduto]
    • Variabili sintattiche, come la variabile (modo) e le varianti [indicativo] e [congiuntivo]: p.es. credo che piove vs. credo che piova
    • Variabili lessicali, come la variabile (telefono portatile) e le sue varianti [cellulare] e [telefonino]

Indicatori e contrassegni

  • Un’altra importante distinzione tra le variabili, sulla quale si basa ad esempio il lavoro di William Labov (vedi il suo saggio nel volume di Giglioli e Fele indicato nel programma), è quella tra indicatori (indicators) e contrassegni o marcatori (markers)
  • Per Labov, un indicatore è una variabile che ha una stratificazione sociale, cioè che risulta correlata a una delle dimensioni relative alle caratteristiche socio-biografiche del parlante (come status sociale, età, genere, ecc.)
  • Un contrassegno o marcatore, invece, è una variabile che oltre alla stratificazione sociale ha anche una stratificazione stilistica, cioè risulta correlata allo stile usato dal parlante nelle diverse situazioni in cui questi si trova a usare la lingua
  • Quindi, nel caso degli indicatori, ogni individuo userà sempre la stessa variante, che dipenderà dalle sue caratteristiche socio-biografiche. Nel caso dei contrassegni, invece, ogni parlante selezionerà l’una o l’altra variante in base alla formalità della situazione comunicativa in cui si trova. Per questa ragione si dice anche che un contrassegno è una variabile più sviluppata, ossia più complessa, rispetto a un indicatore

Esempi di indicatori e contrassegni

  • Per chiarire la terminologia di Labov con esempi italiani, si può pensare ad alcune variabili fonetiche dell’italiano regionale campano
  • In Campania i dittonghi di parole come piede e uovo sono pronunciati con una vocale medio-alta: [pjεde], [wɔvo]; nello standard queste vocali sono invece medio-basse: [pj_de], [w_vo]. Questa variabile è evidentemente associata a un tratto diatopico. Per sapere se si tratta di un indicatore o di un contrassegno dobbiamo verificare se un parlante campano in una situazione formale produce una variante diversa da quella abituale. In questo caso la risposta è no, poiché in genere un campano usa la variante con la vocale medio-alta sia nelle situazioni informali sia in quelle formali. La variabile in questione è perciò un indicatore
  • Se prendiamo invece un’altra variabile fonetica tipicamente campana come la palatalizzazione di s in parole come scala, spia, ecc., pronunciate in Campania [∫kala], [∫pia], e facciamo la stessa verifica, constateremo che in questo caso molti campani in situazioni formali cambieranno il proprio comportamento linguistico e pronunceranno [skala], [spia]. Quindi questa variabile è in termini laboviani un contrassegno

Prossima lezione

Comportamenti e atteggiamenti linguistici

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion