Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Medicina e Chirurgia
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Andrea Di Lieto » 9.Neoplasie maligne del corpo e del collo dell'utero


Carcinoma del collo dell’utero

Epidemiologia

  • Il carcinoma del collo dell’utero si può presentare in donne in età fertile, al di sopra dei 20 anni.
  • La massima incidenza delle forme invasive è tra i 45 ed i 55 anni.
  • I principali fattori di rischio sono: promiscuità sessuale, agenti virali sessualmente trasmessi (HPV – 16, 18 e HSV 1 e 2), alta parità, fumo, basso livello socioeconomico.
  • Grazie al Pap-test, negli ultimi 30 anni si è verificata una riduzione del 50% della mortalità, per una notevole diminuzione dell’incidenza della sua forma invasiva.

Carcinoma del collo dell’utero

Sintomatologia

  • Nelle fasi iniziali il cervicocarcinoma può essere del tutto asintomatico. Più frequentemente, in caso di tumore ad uno stadio avanzato è possibile riscontrare la presenza di:spotting, perdite maleodoranti, disturbi urinari, tenesmo rettale o proctorragie, dolori di tipo sciatalgico.

Diffusione

  • Il carcinoma del collo dell’utero può diffondersi per contiguità, per via linfatica e per via ematica.

Carcinoma del collo dell’utero

Terapia

  • Il trattamento è strettamente legato allo stadio ed al grado di invasione della neoplasia.
  • In sintesi, in caso di CIN 1 e 2 si ricorre alla vaporizzazione laser, alla diatermocoagulazione o alla criochirurgia.Nelle forme di CIN 3/Ca in situ il trattamento consiste nella conizzazione o nell’isterectomia; nelle forme invasive si rende più appropriato un trattamento chirurgico, radio- o chemioterapico.

Carcinoma dell’endometrio

Epidemiologia e fattori di rischio

  • Il carcinoma dell’endometrio costituisce il 5-6% dei tumori femminili.
  • La massima incidenza di tale neoplasia è tra i 55 ed i 65 anni.
  • I fattori di rischio di tale neoplasia sono molteplici ed in comune hanno la caratteristica di determinare un clima endocrino prevalentemente estrogenico. I principali sono: obesità, nulliparità, menopausa tardiva, diabete mellito, ipertensione, anovulazione, terapia estrogenica o con tamoxifene.

Carcinoma dell’endometrio

Sintomatologia

Il carcinoma dell’endometrio può essere silente nelle prime fasi, ma più frequentemente determina una sintomatologia costituita da:

  • Perdite ematiche in età post-menopausale
  • Leucoxantorrea
  • Piometra
  • Febbre
  • Dolori addominali diffusi

Diffusione

  • Il carcinoma dell’endometrio può diffondersi per contiguità, per via linfatica e per via ematica.

Carcinoma dell’endometrio

Terapia del carcinoma dell’endometrio

  • Il trattamento di elezione è chirurgico (in oltre il 90%).
  • In relazione allo stadio il trattamento può includere anche la radioterapia e la chemioterapia.

Coriocarcinoma

  • È una neoplasia altamente maligna costituita da elementi trofoblastici di tipo sinciziale o citotrofoblastico in proliferazioni irregolari e atipiche.
  • Si sviluppa quasi sempre da una gravidanza (nel 60-70% dei casi è una gravidanza molare).
  • L’incidenza è di 1/20000 – 40000 gravidanze.
  • La sintomatologia è distinta in sintomi locali ed extragenitali.
  • Il trattamento è basato sulla chemioterapia.

I materiali di supporto della lezione

Società Italiana di Oncologia Ginecologica. Manuale di Ginecologia Oncologica, Torino, UTET, 1999

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion