Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Andrea Di Lieto » 9.Neoplasie maligne del corpo e del collo dell'utero


Carcinoma del collo dell’utero

Epidemiologia

  • Il carcinoma del collo dell’utero si può presentare in donne in età fertile, al di sopra dei 20 anni.
  • La massima incidenza delle forme invasive è tra i 45 ed i 55 anni.
  • I principali fattori di rischio sono: promiscuità sessuale, agenti virali sessualmente trasmessi (HPV – 16, 18 e HSV 1 e 2), alta parità, fumo, basso livello socioeconomico.
  • Grazie al Pap-test, negli ultimi 30 anni si è verificata una riduzione del 50% della mortalità, per una notevole diminuzione dell’incidenza della sua forma invasiva.

Carcinoma del collo dell’utero

Sintomatologia

  • Nelle fasi iniziali il cervicocarcinoma può essere del tutto asintomatico. Più frequentemente, in caso di tumore ad uno stadio avanzato è possibile riscontrare la presenza di:spotting, perdite maleodoranti, disturbi urinari, tenesmo rettale o proctorragie, dolori di tipo sciatalgico.

Diffusione

  • Il carcinoma del collo dell’utero può diffondersi per contiguità, per via linfatica e per via ematica.

Carcinoma del collo dell’utero

Terapia

  • Il trattamento è strettamente legato allo stadio ed al grado di invasione della neoplasia.
  • In sintesi, in caso di CIN 1 e 2 si ricorre alla vaporizzazione laser, alla diatermocoagulazione o alla criochirurgia.Nelle forme di CIN 3/Ca in situ il trattamento consiste nella conizzazione o nell’isterectomia; nelle forme invasive si rende più appropriato un trattamento chirurgico, radio- o chemioterapico.

Carcinoma dell’endometrio

Epidemiologia e fattori di rischio

  • Il carcinoma dell’endometrio costituisce il 5-6% dei tumori femminili.
  • La massima incidenza di tale neoplasia è tra i 55 ed i 65 anni.
  • I fattori di rischio di tale neoplasia sono molteplici ed in comune hanno la caratteristica di determinare un clima endocrino prevalentemente estrogenico. I principali sono: obesità, nulliparità, menopausa tardiva, diabete mellito, ipertensione, anovulazione, terapia estrogenica o con tamoxifene.

Carcinoma dell’endometrio

Sintomatologia

Il carcinoma dell’endometrio può essere silente nelle prime fasi, ma più frequentemente determina una sintomatologia costituita da:

  • Perdite ematiche in età post-menopausale
  • Leucoxantorrea
  • Piometra
  • Febbre
  • Dolori addominali diffusi

Diffusione

  • Il carcinoma dell’endometrio può diffondersi per contiguità, per via linfatica e per via ematica.

Carcinoma dell’endometrio

Terapia del carcinoma dell’endometrio

  • Il trattamento di elezione è chirurgico (in oltre il 90%).
  • In relazione allo stadio il trattamento può includere anche la radioterapia e la chemioterapia.

Coriocarcinoma

  • È una neoplasia altamente maligna costituita da elementi trofoblastici di tipo sinciziale o citotrofoblastico in proliferazioni irregolari e atipiche.
  • Si sviluppa quasi sempre da una gravidanza (nel 60-70% dei casi è una gravidanza molare).
  • L’incidenza è di 1/20000 – 40000 gravidanze.
  • La sintomatologia è distinta in sintomi locali ed extragenitali.
  • Il trattamento è basato sulla chemioterapia.

I materiali di supporto della lezione

Società Italiana di Oncologia Ginecologica. Manuale di Ginecologia Oncologica, Torino, UTET, 1999

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion