Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Valentina Della Corte » 1.Dal prodotto alla filiera turistica: le principali dinamiche del settore


La domanda e l’offerta turistica

Rispetto alla domanda: il prodotto turistico rappresenta l’esperienza globalmente vissuta dal turista.

Dal punto di vista dell’offerta: il prodotto turistico è un bundle of utilities, un’entità complessa che dipende sia dalle risorse del territorio che dalle competenze delle imprese turistiche.

L’AIDAs model

Prima di giungere alla fase in cui il prodotto turistico è realmente vissuto vi è il processo decisionale del turista imperniato sulle seguenti fasi che ricalcano il modello AIDAS.

Per gentile concessione dell’editore Egea – “Imprese e sistemi turistici – il management”, di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.

Per gentile concessione dell'editore Egea - “Imprese e sistemi turistici – il management”, di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.


Il processo decisionale del potenziale turista

Il turista, nel processo di scelta, è sollecitato da una serie di stimoli interni ed esterni.

Gli stimoli interni si distinguono in:

  • significativi
  • simbolici
  • sociali

Gli stimoli esterni sono di tipo:

  • personale

Entrambi sono influenzati da fattori di accelerazione e decelerazione, quali il tempo e capacità di spesa.

Il prodotto turistico: definizione e caratteristiche

Il prodotto turistico può essere definito come un prodotto complesso legato alle risorse e alle competenze delle imprese del territorio.

Queste le principali caratteristiche:

  • intangibilità e virtualità
  • variabilità e inimmagazzinabilità
  • interazione
  • simultaneità dei processi di produzione e consumo

La segmentazione del mercato turistico

Si definisce turista: un soggetto che, motivato da bisogni diversi, si muove dalla propria località di residenza verso altre destinazioni, per un periodo superiore alle 24 ore.

Si definisce escursionista: un visitatore “in transito”, che tende a sostare in una località per un periodo di durata inferiore alle 24 ore.

In termini turistici il target di interesse è quello dei turisti più che degli escursionisti.

Il processo di segmentazione

Non le destinazioni ed i fattori di attrattiva in sé motivano i turisti, ma la loro capacità di soddisfare specifici bisogni.

Di conseguenza è fondamentale per le imprese del settore operare un’adeguata segmentazione del mercato rispetto ai seguenti parametri:

  • demografici ed ubicazionali
  • economici
  • socio-culturali e psicografici
  • comportamentali

La motivazione prevalente del viaggio

Una prima macroclassificazione distingue i seguenti segmenti. Per gentile concessione dell’editore Egea – “Imprese e sistemi turistici – il management”, di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.

Una prima macroclassificazione distingue i seguenti segmenti. Per gentile concessione dell'editore Egea - “Imprese e sistemi turistici – il management”, di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.


Le principali caratteristiche psicologiche dei turisti

Per gentile concessione dell’editore Egea – “Imprese e sistemi turistici – il management”, di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.

Per gentile concessione dell'editore Egea - “Imprese e sistemi turistici – il management”, di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.


Le principali categorie di turisti

Per gentile concessione dell’editore Egea – “Imprese e sistemi turistici – il management”, di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.

Per gentile concessione dell'editore Egea - “Imprese e sistemi turistici – il management”, di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.


Le diverse tipologie di viaggio

È necessario individuare i possibili circuiti in cui una destination può essere inserita ed il ruolo da essa ricoperto durante il viaggio.

Si determinano così differenti articolazioni di viaggi:

  • Single Destination
  • Base Camp
  • Stop Over Pattern
  • Full Loop
  • Destination Area Loop
  • Open Jaw Loop
  • Multiple Destination Area Loop

La classificazione delle destination

Per gentile concessione dell’editore Egea – “Imprese e sistemi turistici – il management”, di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.

Per gentile concessione dell'editore Egea - “Imprese e sistemi turistici – il management”, di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.


Le principali configurazioni di prodotto

Dal punto di vista dell’offerta, considerando livelli diversi di co-progettualità e/o combinazione delle attività delle imprese locali, si hanno diverse configurazioni di prodotto:

  • “punto punto” o “fai da te”
  • “network”
  • “dynamic packaging”
  • “package”

Le 6 A per definire una destination

La destination è un luogo-prodotto in grado di attrarre autonomamente domanda.

Le principali componenti della destination possono classificate nelle 6 A:

  • Access
  • Attractions
  • Accommodation
  • Amenities
  • Assemblage
  • Ancillary services

L’impatto sociale ed ambientale sul settore

Nel settore turistico è necessario che la politica e gli interventi avvengano nell’ottica della sostenibilità.

Occorre, perciò, la predeterminazione della capacità di carico di una destinazione.

Il numero massimo di turisti che la località è in grado di ospitare senza compromettere la qualità della vita dei residenti o alterare l’ambiente.

La capacità di carico di una destination


Gli obiettivi fondamentali della sostenibilità’

La sostenibilità, per poter essere concretamente tale, richiede la realizzazione di alcuni obiettivi economici ed ecologici.

  • Sostenibilità economica i cui obiettivi sono: efficacia ed efficienza
  • Sostenibilità etica i cui obiettivi sono: equilibrio, vivibilità ed equità
  • Sostenibilità ecologica i cui obiettivi sono: salvaguardia e valorizzazione del patrimonio ambientale e culturale

I materiali di supporto della lezione

"Imprese e sistemi turistici – il management", di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion