Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica
 
I corsi di Economia
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Valentina Della Corte » 1.Dal prodotto alla filiera turistica: le principali dinamiche del settore


La domanda e l’offerta turistica

Rispetto alla domanda: il prodotto turistico rappresenta l’esperienza globalmente vissuta dal turista.

Dal punto di vista dell’offerta: il prodotto turistico è un bundle of utilities, un’entità complessa che dipende sia dalle risorse del territorio che dalle competenze delle imprese turistiche.

L’AIDAs model

Prima di giungere alla fase in cui il prodotto turistico è realmente vissuto vi è il processo decisionale del turista imperniato sulle seguenti fasi che ricalcano il modello AIDAS.

Per gentile concessione dell’editore Egea – “Imprese e sistemi turistici – il management”, di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.

Per gentile concessione dell'editore Egea - “Imprese e sistemi turistici – il management”, di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.


Il processo decisionale del potenziale turista

Il turista, nel processo di scelta, è sollecitato da una serie di stimoli interni ed esterni.

Gli stimoli interni si distinguono in:

  • significativi
  • simbolici
  • sociali

Gli stimoli esterni sono di tipo:

  • personale

Entrambi sono influenzati da fattori di accelerazione e decelerazione, quali il tempo e capacità di spesa.

Il prodotto turistico: definizione e caratteristiche

Il prodotto turistico può essere definito come un prodotto complesso legato alle risorse e alle competenze delle imprese del territorio.

Queste le principali caratteristiche:

  • intangibilità e virtualità
  • variabilità e inimmagazzinabilità
  • interazione
  • simultaneità dei processi di produzione e consumo

La segmentazione del mercato turistico

Si definisce turista: un soggetto che, motivato da bisogni diversi, si muove dalla propria località di residenza verso altre destinazioni, per un periodo superiore alle 24 ore.

Si definisce escursionista: un visitatore “in transito”, che tende a sostare in una località per un periodo di durata inferiore alle 24 ore.

In termini turistici il target di interesse è quello dei turisti più che degli escursionisti.

Il processo di segmentazione

Non le destinazioni ed i fattori di attrattiva in sé motivano i turisti, ma la loro capacità di soddisfare specifici bisogni.

Di conseguenza è fondamentale per le imprese del settore operare un’adeguata segmentazione del mercato rispetto ai seguenti parametri:

  • demografici ed ubicazionali
  • economici
  • socio-culturali e psicografici
  • comportamentali

La motivazione prevalente del viaggio

Una prima macroclassificazione distingue i seguenti segmenti. Per gentile concessione dell’editore Egea – “Imprese e sistemi turistici – il management”, di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.

Una prima macroclassificazione distingue i seguenti segmenti. Per gentile concessione dell'editore Egea - “Imprese e sistemi turistici – il management”, di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.


Le principali caratteristiche psicologiche dei turisti

Per gentile concessione dell’editore Egea – “Imprese e sistemi turistici – il management”, di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.

Per gentile concessione dell'editore Egea - “Imprese e sistemi turistici – il management”, di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.


Le principali categorie di turisti

Per gentile concessione dell’editore Egea – “Imprese e sistemi turistici – il management”, di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.

Per gentile concessione dell'editore Egea - “Imprese e sistemi turistici – il management”, di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.


Le diverse tipologie di viaggio

È necessario individuare i possibili circuiti in cui una destination può essere inserita ed il ruolo da essa ricoperto durante il viaggio.

Si determinano così differenti articolazioni di viaggi:

  • Single Destination
  • Base Camp
  • Stop Over Pattern
  • Full Loop
  • Destination Area Loop
  • Open Jaw Loop
  • Multiple Destination Area Loop

La classificazione delle destination

Per gentile concessione dell’editore Egea – “Imprese e sistemi turistici – il management”, di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.

Per gentile concessione dell'editore Egea - “Imprese e sistemi turistici – il management”, di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.


Le principali configurazioni di prodotto

Dal punto di vista dell’offerta, considerando livelli diversi di co-progettualità e/o combinazione delle attività delle imprese locali, si hanno diverse configurazioni di prodotto:

  • “punto punto” o “fai da te”
  • “network”
  • “dynamic packaging”
  • “package”

Le 6 A per definire una destination

La destination è un luogo-prodotto in grado di attrarre autonomamente domanda.

Le principali componenti della destination possono classificate nelle 6 A:

  • Access
  • Attractions
  • Accommodation
  • Amenities
  • Assemblage
  • Ancillary services

L’impatto sociale ed ambientale sul settore

Nel settore turistico è necessario che la politica e gli interventi avvengano nell’ottica della sostenibilità.

Occorre, perciò, la predeterminazione della capacità di carico di una destinazione.

Il numero massimo di turisti che la località è in grado di ospitare senza compromettere la qualità della vita dei residenti o alterare l’ambiente.

La capacità di carico di una destination


Gli obiettivi fondamentali della sostenibilità’

La sostenibilità, per poter essere concretamente tale, richiede la realizzazione di alcuni obiettivi economici ed ecologici.

  • Sostenibilità economica i cui obiettivi sono: efficacia ed efficienza
  • Sostenibilità etica i cui obiettivi sono: equilibrio, vivibilità ed equità
  • Sostenibilità ecologica i cui obiettivi sono: salvaguardia e valorizzazione del patrimonio ambientale e culturale

I materiali di supporto della lezione

"Imprese e sistemi turistici – il management", di Della Corte V., Egea, Milano, 2009.

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion