Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica
 
I corsi di Lettere e Filosofia
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Stefano Consiglio » 1.Il concetto di organizzazione e gli elementi di base


La struttura della lezione

  • Perché studiare le organizzazioni?
  • Una definizione
  • Le scelte di progettazione organizzativa
  • Gli elementi di base:
    • I meccanismi di coordinamento;
    • Le parti dell’organizzazione.

Perché studiare le organizzazioni?

Le organizzazioni condizionano la nostra vita.

Le organizzazioni condizioneranno la nostra attività professionale e lavorativa.

Le organizzazioni strumento fondamentale per realizzare i nostri progetti.

Fonte: Flickr

Fonte: Flickr

Fonte: Flickr

Fonte: Flickr


Cosa è l’organizzazione?

L’organizzazione può essere definita come il complesso delle modalità secondo le quali viene effettuata la divisione del lavoro in compiti distinti e quindi viene realizzato il coordinamento tra tali compiti” H. Minzberg 1983.

Il processo di progettazione organizzativa


I meccanismi di coordinamento

Il coordinamento rappresenta un ingrediente fondamentale per tante attività umane.

Il successo di un balletto, di un concerto o di una squadra di nuoto sincronizzato dipendono in gran parte sulla capacità delle singole persone coinvolte di muoversi in modo coordinato.

In generale esistono cinque principali meccanismi di coordinamento.

Fonte: Flickr

Fonte: Flickr

Fonte: Flickr

Fonte: Flickr


Adattamento reciproco e supervisione diretta

L’adattamento reciproco consegue il coordinamento attraverso il processo della comunicazione informale.

Nelle organizzazioni il reciproco adattamento è utilizzato ad esempio ogni qual volta una decisione è affidata agli esiti di una riunione di lavoro tra persone di pari livello.

La supervisione diretta consegue il coordinamento attraverso una persona che assume la responsabilità del lavoro di altri dando loro ordini e controllando le loro azioni.

Nelle organizzazioni la supervisione è utilizzata ad esempio quando un responsabile di un ufficio attribuisce una serie di compiti ad i suoi collaboratori e poi è chiamato a verificare il rispetto degli stessi.

Fonte: Flickr

Fonte: Flickr

Fonte: Flickr

Fonte: Flickr


La standardizzazione

La standardizzazione dei processi di lavoro
I processi di lavoro vengono standardizzati quando si specificano o si programmano i contenuti del lavoro. La catena di montaggio è un classico esempio in cui il coordinamento tra le numerose persone che operano sulla linea è assicurato dalla standardizzazione del processo di lavoro.

La standardizzazione delle capacità
La standardizzazione delle capacità è un meccanismo utilizzato quando per svolgere determinate attività l’organizzazione sceglie di assumere lavoratori con competenze standardizzate.

La standardizzazione degli output
L’ultima modalità utilizzabile per conseguire il coordinamento è la standardizzazione degli output. In questo caso non si predefiniscono né i processi di lavoro, né le competenze dei soggetti ma i risultati che bisogna conseguire.

Fonte: Flickr

Fonte: Flickr

Fonte: Flickr

Fonte: Flickr


Le parti dell’organizzazione

Le parti dell’organizzazione sono cinque:

  1. il nucleo operativo;
  2. il vertice strategico;
  3. la linea intermedia;
  4. la tecnostruttura;
  5. lo staff di supporto.

Minzberg introduce questo concetto al fine di disporre di un diagramma di base per rappresentare l’organizzazione stessa, un diagramma che possa essere utilizzato per mostrare i diversi fatti che accadono nelle organizzazioni e le diverse forme che possono assumere.

Fonte: Flickr

Fonte: Flickr


Nucleo operativo e vertice strategico

Il nucleo operativo è formato dalle persone che svolgono l’attività fondamentale di ottenimento dei prodotti e di fornitura dei servizi.
Ad esempio, il nucleo operativo dell’Università è formato dai docenti (sono loro infatti che sono responsabili delle attività didattiche e di ricerca).

Il vertice strategico è formato dalle persone che hanno la responsabilità globale dell’organizzazione, coloro i quali delineano la strategia, gestiscono i rapporti tra l’organizzazione e l’ambiente in cui essa si colloca.
Nell’Università il vertice strategico è formato dal Rettore, dal Senato Accademico e dal consiglio di amministrazione.

Fonte: Flickr

Fonte: Flickr


Linea intermedia, tecnostruttura e staff di supporto

La linea intermedia ha il compito di collegare il nucleo operativo al vertice strategico attraverso la catena di manager che detengono l’autorità formale.

La tecnostruttura è formata dalle persone (analisti) che contribuisco all’attività organizzativa influenzando il lavoro degli altri. La tecnostruttura è formata dalle persone che elaborano piani di attività, budget, programmi, procedure.

Lo staff di supporto è formato da tutte quelle persone che forniscono al vertice strategico, alla linea intermedia ed al nucleo operativo un supporto esterno al flusso di lavoro.

Fonte: Flickr

Fonte: Flickr


I materiali di supporto della lezione

Mintzberg H. (1996), “La progettazione dell'organizzazione aziendale”, Capitolo 1, Il Mulino, Bologna.

Lettura 1: Structure in fives Mintzberg 1980

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion