Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Gabriella Fabbricino » 3.Evoluzioni politiche e sociali


Diffidenza verso la Francia

Durante tutto il XVII° sec. i Canadesi francesi rimangono fedeli al loro paese d’origine e alla loro cultura. Nel XVIII sec. però, specialmente durante e dopo la rivoluzione, molti fuoriusciti si recheranno in Canada per sfuggire al Terrore, e alle innovazioni politiche seguenti.

Tra essi, soprattutto i religiosi, diffonderanno il loro punto di vista, secondo il quale l’Ancien Régime è tutto positivo ed è pessimo quello costruito dalla rivoluzione. Nasce così, nel paese, dunque, quella diffidenza verso la Francia, che continuerà fin tutto l’Ottocento.

Nel 1867 il francese è lingua ufficiale con l’inglese, ma non si pone il principio di rendere bilingue il governo federale.

Il partito al potere in Québec deve contenere tre gruppi di pressione importanti: il governo federale di cui fanno parte anche parecchi deputati di quello provinciale; la minoranza anglofona che riuscirà a lungo a mettere alle finanze un ministro anglofono; e la Chiesa cattolica che farà escludere dai centri di governo uomini dalle idee troppo progressiste, e che controlla che il numero degli interventi statali negli affari pubblici sia ridotto al minimo, per non perdere il suo potere in ambiti come educazione e salute.

Il movimento nazionalista

Nel periodo tra i due Atti, Act d’Union del 1840 e British North America Pact del 1867, nasce un movimento nazionalista ispirato ad un Canada Francese oltre i confini del Québec. In verità, il principale gruppo francofono, gli Acadiens, dopo la cacciata nel 1755, si sono rifugiati a Nouveau-Brunswick. Essi non condividono l’esperienza indipendentista della Nazione Canadese nel Basso Canada. Ad ovest si trovano i ” bois brulés” (Métis) e altri francofoni, discendenti dei cacciatori di pellicce. Altri gruppi si istallano in Ontario.

ll Québec tenderà ad esprimersi in nome dell’intero Canada francese. Essa è la regione che raggruppa il maggior numero di francofoni, circondati da una stragrande maggioranza di anglofoni. Si tratta di una popolazione che cerca di affermarsi e di prendere in mano le redini del suo destino.

Chanson des Bois Brules, 1818

Chanson des Bois Brules, 1818


I Canadesi francesi assoggettati agli inglesi

Conquistati con la forza delle armi nel 1760, essi hanno subito l’umiliazione di diventare colonia britannica. In Canada, i Canadesi francesi sono ritenuti cittadini di seconda mano.

La provincia di Québec, a lungo considerata riserva di mano d’opera docile e a buon mercato, era diventata la patria dei scieurs de bois et porteurs d’eau del paese, i negri bianchi d’America. Dal 1840 al 1930 più di 900.000 Quebecchesi, in maggioranza francofoni, hanno lasciato la provincia per andare a lavorare negli USA.

Negli anni 80 si assiste ad una politica nazionale e alla creazione della ferrovia Canada-Pacifico, che simbolizza la formazione di uno stato pan-canadiano. L’apertura dell’ovest verso la colonizzazione riduce il peso politico del Québec e coincide con l’erosione dei diritti francofoni in tutte le regioni del Canada.

Nasce un movimento di risveglio delle coscienze del Québec: il colonialismo della maggioranza anglofona del Canada mantiene in una posizione di inferiorità economica e politica i Canadesi francesi, ed essi si rendono conto che i managers inglesi non sono altro che i managers dell’imperialismo americano dominante l’economia canadese.

Il conservatorismo

Contro questa doppia colonizzazione (ma soprattutto contro quella inglese) il Québec reagisce e cerca di affermare la propria indipendenza: da due secoli i Canadesi francesi manifestano la loro volontà di vivere come gruppo francofono.

A partire da questo momento comincia quel conservatorismo che culminerà tra il 1920 e il 1959.

Per approfondimenti: L’évolutione du Canada entre 1840 et 1867

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion