Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Medicina Veterinaria
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Luigi Avallone » 3.Fisiologia della digestione nei poligastrici - Prima parte


Generalità

Digestione nei poligastrici
La digestione nello stomaco ghiandolare (abomaso) è preceduta da una digestione meccanica e da processi fermentativi indotti da una flora simbionte e da una fauna protozoaria microbica nelle porzioni prestomacali (reticolo rumine ed omaso).

Funzioni dei prestomaci:

  1. Facilitano la macerazione dell’ingesta;
  2. Determinano una distribuzione uniforme dei microrganismi;
  3. Provocano il rimescolamento del contenuto con la saliva;
  4. Agevolano la mobilizzazione degli ac. grassi volatili dai punti a più elevata produzione,aumentandone il loro riassorbimento attraverso le pareti del rumine;
  5. Provvedono alla rimozione di CO2 e del CH4 derivate dai processi fermentativi (eruttazione).
  6. Apparato digerente nel bovino.
Schema dello stomaco dei ruminanti:
m=esofago, v=rumine, n=reticolo, b=omaso, l=abomaso, i=duodeno. Fonte: Wikipedia.

Schema dello stomaco dei ruminanti: m=esofago, v=rumine, n=reticolo, b=omaso, l=abomaso, i=duodeno. Fonte: Wikipedia.


Secrezione salivare

La saliva nei ruminanti (pH 8):

  • prodotta abbondantemente (100- 150 litri /die);
  • tampona gli H+ che derivano dalla dissociazione sia degli AGV (Acidi Grassi Volatili) sia da quella dell’acido carbonico;
  • mantiene un pH di 5,6 – 6,8 necessario per la sopravvivenza dei microrganismi e per l’assorbimento degli AGV.

Fermentazioni ruminali

Fermentazioni ruminali:

Ogni ml di succo ruminale contiene:

  • 10-50 miliardi di batteri;
  • 1 milione di protozoi ciliati;
  • quantità minori di funghi e lieviti.

I batteri sono tutti anaerobi o anaerobi facoltativi:

  • Cellulosolitici;
  • Emicellulosolitici;
  • Amilolitici;
  • Proteolitici;
  • Utilizzatori di zuccheri (mono e disaccaridi);
  • Utilizzatori di ac. lattico, malico, succinico;
  • Produttori di ammoniaca;
  • Sintetizzatori di vitamine;
  • Produttori di metano.
Protozoo.Fonte: Wikipedia.

Protozoo.Fonte: Wikipedia.


Fermentazioni ruminali

Fermentazioni ruminali

Attraverso tale processo si ottiene:

  • produzione di proteine microbiche di alta qualità;
  • sintesi di prodotti azotati (proteine) partendo da N non proteico;
  • sintesi di vitamine del gruppo B.

Substrati della fermentazione:

  • cellulosa;
  • emicellulosa;
  • polimeri fenolici (lignina e carboidrati complessi);

.

Capra.Fonte: Wikipedia.

Capra.Fonte: Wikipedia.


I materiali di supporto della lezione

Cunningham James G., Manuale di fisiologia veterinaria, Delfino Antonio Editore

Aguggini G., Beghelli V., Giulio L.F., Fisiologia degli Animali Domestici con elementi di Etologia, UTET

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion