Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D La Corte in Rete
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Immacolata Ortosecco » 14.Trasformata z


Trasformata z. – Sistemi LTI

Introduzione

  • La trasformata zeta o z- transform realizza una trasformazione dal dominio del tempo discreto al dominio – z, dove z è una variabile complessa. Viene usata allo stesso modo in cui le trasformate di Laplace e di Fourier vengono utilizzate per i segnali del tempo continuo.
  • Una motivazione rilevante per l’introduzione della z-transform sta nel fatto che la trasformata di Fourier non converge per tutte le sequenze, pertanto è utile una generalizzazione che comprenda una più ampia classe di segnali.
  • Un vantaggio importante sta nel fatto che nella notazione della z-transform l’analisi dei sistemi discreti è più conveniente che con la Fourier-Transform. Questo, in particolare, per lo studio dei sistemi discreti come i filtri numerici in termini di poli e zeri.

Laplace transform e z-transforms: segnali a tempo continuo e a tempo discreto

Ricordiamo la definizione della Laplace transform, una trasformata particolarmente importante nell’analisi dei circuiti analogici.
La trasformata di Laplace della funzione x(t), una funzione causale, tale che x(t)= 0 per t < 0:
X(s)=\int_{-\infty}^{\infty}x(t)e^{-st}dt ,
oppure $X(s)=\int_{0^{-}}^{\infty}x(t)e^{-st}dt$
dove s =σ+jω è una variabile complessa,
X(s)=\int_{0}^{\infty}x(t)e^{-st}dt
fissato s1, in modo tale che X(s) non abbia singolarità ( funzione analitica) per s> s1 è possibile ottenere la Laplace transform inversa
x(t)=\int_{\sigma_{1}-j\infty}^{\sigma_{1}+j\infty}X(s)e^{st}ds
La z-transform si può derivare dall’equazione per la X(s) sopra campionando il segnale a tempo continuo x(t) .
Si ottiene così x(nTs ) normalmente denotato come x[n]. Assumendo Ts=1 e discretizzando, l’integrale diventa una sommatoria.
X(e^{s})=\sum_{0}^{\infty}x[n]e^{-sn}
Sostituendo la variabile es con z abbiamo una prima derivazione della z-transform e precisamente la trasformata zeta monolatera.
X ^{+}(z)=\sum_{n=0}^{\infty}x[n]z^{-n}

Relazione tra Laplace, Fourier e z-transform

Come per la trasformata di Laplace, anche per la z-transform, le funzioni della base sono sinusoidi con inviluppo di ampiezza decrescente o crescente, contrariamente alle funzioni di base della trasformata di Fourier che sono sinusoidi ad ampiezza costante.

Infatti osservando che
z=e^{s}=e^{\sigma}e^{j\omega}
e posto e^{\sigma}=r si ha $z=re^{j\omega}$,
da cui esponenziali ad ampiezza decrescente per σ<1 , ampiezza costante per σ=0 ed ampiezza crescente per σ>1.


Corrisponenza tra piano S e piano Z

Piano s: tempo continuo → Laplace transform
Piano z: tempo discreto → z-transform
Le variabili in frequenza del piano s e del piano z sono variabili complesse con parte reale e parte immaginaria e possono essere visualizzate come punti nel piano complesso.
Tali punti sono individuati in forma rettangolare (piano s, s=σ+jω) o polare (piano z, z= re)
La trasformata di Laplace di un segnale campionato è periodica con un periodo di 2π.

Corrispondenza piano s e piano z.

Corrispondenza piano s e piano z.


Corrispondenza tra frequenze f e angoli in radianti nel piano z

Come visto nelle immagini precedenti, supponendo di chiudere la parte sinistra del piano s , delimitata dall’asse immaginario, facendo coincidere il meno infinito immaginario con l’infinito immaginario abbiamo la rappresentazione del semipiano s con l’interno del cerchio unitario. Esso rappresenta la parte stabile , dove ci sono gli esponenziali decrescenti, mentre la parte destra del piano s viene collocata all’esterno del cerchio unitario , lì ci sono gli esponenziali complessi crescenti e quindi la zona di instabilità.
La regione di segnali e sistemi causali e stabili è all’interno del cerchio unitario.
I punti dell’asse jω si trovano sul cerchio unitario
La figura a lato, in alto, illustra la corrispondenza tra angoli e frequenza di campionamento. Un angolo di 2 pi corrisponde ad una frequenza di campionamento Fs Hz.
Quindi una frequenza di f Hz corrisponde ad un angolo φ dato da
\varphi=\frac{2\pi}{F_{s}}f radianti

Relazione tra le variabili in frequenza nel continuo e nel discreto nel caso di campionamento uniforme .

Relazione tra le variabili in frequenza nel continuo e nel discreto nel caso di campionamento uniforme .


Sequenze discrete e z-transform

Una derivazione più diretta della z-transform è data con la seguente definizione:
La z-transform. di una sequenza x[n] è una funzione continua della variabile complessa z, data da
X(z)=\sum_{n=-\infty}^{\infty}x[n]z^{-n}
(funzione analitica – serie di Laurent)
Questa definizione fornisce la z-transform bilatera.
Es.: data la sequenza bilatera finita x[n]= 1 ,-2,0, -1 con n=-1,0,1, 2
X(z)=1z^{1}-2z^{0}+0z^{-1}-1z^{-2}
La z-transform monolatera della stessa sequenza è data da:
X ^{+} (z)=\sum_{n=0}^{\infty}x[n]z^{-n}

X(z)=-2z^{0}+0z^{-1}-1z^{-2}

Ad ogni z-transform va associata la sua regione di convergenza (Region Of Convergence –ROC )
Le due z-transform, mono e bilatera, sono equivalenti per sequenze monolatere destre, quando x[n]=0 per n < 0.

Applicazioni della z-transform

Applicazione della z-transform bilatera
In generale la variabile complessa è z=r ejω .
X(re^{j\omega})=\sum_{n=-\infty}^{\infty}x[n](re^{j\omega})^{-n}
oppure
X(re^{j\omega})=\sum_{n=-\infty}^{\infty}(x[n]r^{-n})e^{-j\omega n}
Questa espressione per r=1 si riduce alla trasf. di F. e può essere interpretata come la DTFT della sequenza moltiplicata per un esponenziale r-n.
Questo prodotto porta alla condizione di convergenza della z-transform anche se la F-transform non converge.
Esempio: la sequenza u[n], gradino unitario, non è assolutamente sommabile,ma moltiplicata per l’esponenziale decrescente lo diventa.
La ROC in questo caso è data da tutti i punti del piano complesso per i quali |z|>1.

Regione di convergenza

Come già detto, la z-transform. è una serie infinita, essa esiste solo per quei valori della variabile z per i quali la sommatoria è finita. l’insieme di tali valori di z costituisce la regione di convergenza ROC ( region of convergence).
La z-transform di una sequenza va sempre associa alla regione di convergenza che le compete.
Esempi :
1. Impulso unitario δ[n], z-transform
X(z)=\sum_{n=-\infty}^{\infty}\delta[n]z^{-n}=\delta[0]z^{-0}=1


Esempio: due sequenze diverse con stessa z-transform, ma due regioni di convergenza diverse

Sequenza n° 1 an u[n] monolatera destra a < 1
Sua z-transform
X(z)=\sum_{n=-\infty}^{\infty}x[n]z^{-n}=\sum_{n=-\infty}^{\infty}a^{n}z^{-n}=\sum_{n=-\infty}^{\infty}(az^{-1})^{n}
Converge per
|az^{-1}|<1 o |z|>|a|
=\frac{1}{1-az^{-1}}=\frac{z}{z-a}
ROC tutti i punti del piano zeta all’esterno del cerchio di raggio a centrato in zero.

Sequenza causale – monolatera destra.

Sequenza causale - monolatera destra.


Esempio (segue)

Sequenza n° 2 : x[n] = -an u[-n-1] monolatera sinistra
Sua z-transform:

X(z)=-\sum_{n=-\infty}^{\infty}x[n]z^{-n}=-\sum_{n=-\infty}^{\infty}a^{n}u[-n-1]z^{-n}=-\sum_{n=-\infty}^{-1}(a^nz^{-n})

=-\sum_{n=1}^{\infty}a^{-n}z^{n}=1-\sum_{n=0}^{\infty}(a^{-1}z)^{n}

Converge per |a^{-1}z|<1

ossia |z|<|a|

X(z)=1-\frac{1}{1-a^{-1}z}=\frac{z}{z-a}

ROC: tutti i punti del piano z interni al cerchio di raggio a e centro zero

Sequenza anticausale – monolatera sinistra.

Sequenza anticausale - monolatera sinistra.


In verde visualizzazione delle regioni di convergenza


Altri tipi di sequenze

Bilatere: infinite e finite
Bilatera infinita

x[n]=a^{n}u[n]-b^{n}u[-n-1]

Per la z-transform vale la proprietà di linearità e quindi è possibile calcolare separatamente le z-transform delle due sequenze, come negli esempi precedenti e poi sommmarle per ottenere la X(z).
Calcolare la regione di convergenza supponendo a < b ed entrambi  <1.
Sequenze di lunghezza finita
x[n]=\begin{cases}a^{n}, & 0 <  n <  N-1\\0, & altrimenti\end{cases}
La z-transform in questo caso è
X(z)=\sum_{n=0}^{N-1}a^{n}z^{-n}=\sum_{n=0}^{N-1}(az^{-1})^{n} =\frac{1-(az^{-1})^{N}}{1-az^{-1}}=\frac{1}{z^{N-1}}\frac{z^{N}-a^{N}}{z-a}

ROC
In questo caso la somma sarà finita, perché c’è un numero di termini finito e si suppone che il prodotto a·z-1 sia finito, cioè che |a|< ∞ e z ≠ 0. La ROC, infatti, comprende tutto il piano z ad eccezione dell’origine z=0. Le N radici del numeratore sono z_{k}=ae^{j(2\pi k/N)} , k=0, 1, …,N-1.
Non ci sono poli se non nell’origine, il polo a z=a viene cancellato dallo zero a z=a.

Esempio: possibili ROC


Alcune proprietà della z-transform

Linearità:
ax_{1}[n]+bx_{2}[n]\longleftrightarrow aX_{1}(z)+ & bX_{2}(z)\\
Shift a sinistra
x[n+k] & =z^{k}X(z)
Shift a destra
x[n-k] & =z^{-k}X(z)
Moltiplicazione per n
nx[n]\longleftrightarrow & -z\frac{dF(z)}{dz}
Convoluzione nel tempo
x_{1}[n]\star x_{2}[n]\longleftrightarrow & X_{1}(z)X_{2}(z)
Teorema del valore iniziale
x[0]=\lim_{z\rightarrow\infty}X(z)
Teorema del valore finale
\lim_{n\rightarrow\infty}x[n]=\lim_{z\rightarrow1}(z-1)X(z)

Alcune sequenze a tempo discreto e loro z-transform

\begin{array}{ccc} x[n] & X(z) & Roc\\ \delta[n] & 1 & tutto-il-piano-z\\ \delta[n-k] & z^{-k} & tutto-il-piano-escluso-lo-zero\\ a^{n}u[n] & \frac{z}{z-a} & |z|>a\\ u[n] & \frac{z}{z-a} & |z|>1\\ e^{-naT}u[n] & \frac{z}{z-e^{-aT}} & |e^{-aT}z^{-1}|<1\end{array}

altre sequenze e loro z-transform

\begin{array}{cc}u[n]-u[n-k]&\frac{z^{k}-1}{z^{k-1}(z-1)}\\ nu[n]&\frac{z}{(z-1)^{2}}\\ n^{2}u[n]&\frac{z(z+1)}{(z-1)3}\\{} [n+1]u[n]&\frac{z^{2}}{(z-1)2}\\ a^{n}nu[n]&\frac{az}{(z-a)^{2}}\\ a^{n}n^{2}u[n]&\frac{az(z+a)}{(z-a)^{3}}\\ a^{n}n[n+1]u[n]&\frac{2az^{2}}{(z-a)^{3}}\end{array}

I materiali di supporto della lezione

Capitolo 3 di Oppenheim Schafer Buck- Discrete Time Signal Processing.

Approfondimenti

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion