Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Medicina Veterinaria
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Gaetano Scala » 14.Mammella


Mammella

E’ un organo ghiandolare pari, tipico dei Mammiferi, deputato alla produzione del latte, alimento dei neonati. Generalmente le mammelle negli animali domestici sono disposte lungo due linee paramediane che vanno dall’ascella alla piega dell’inguine. Ciascuna mammella è separata dal controlaterale dal solco intermammario. Il numero, la forma e il volume varia da specie a specie e nella stessa specie a seconda dello stato funzionale. In ciscuna mammella si distingue un corpo ghiandolare e uno o più capezzoli.

Struttura della mammella

Nella mammella si distinguono la cute, il sottocute, le fasce, il capezzolo e il corpo ghiandolare.
1. La cute è delicata, con peli radi e sottili e numerose ghiandole sudoripare e sebacee.
2. Il sottocute è ricco di vasi sanguigni.
3. Le fasce sostengono le mammelle; sono propaggini laminari che dalla fascia profonda del tronco si portano al corpo ghiandolare fino al capezzolo. Nella vacca le fasce sono 4, due laterali e due mediali; le due mediali aderiscono tra loro e formano il legamento sospensore della mammella.
4. Il capezzolo è una formazione conica-cilindrica, che origina dal corpo ghiandolare. E’ attraversato da uno o più canali, dotti papillari, che originano alla base del capezzolo e terminano all’apice con uno o più fori papillari.
5. Il corpo ghiandolare è costituito dalla componente secernente o ghiandolare e dai dotti escretori. La componente secernente è suddivisa in lobi, che a loro volta sono ulteriormente suddivisi in lobuli da connettivo interposto. La porzione ghiandolare é di tipo tubulo-alveolare, costituita da cellule prismatiche a secrezione apo-merocrina. All’esterno delle cellule secernenti degli adenomeri ghiandolari sono presenti particolari cellule, dette mioepiteliali o a canestro, che hanno il compito di spremere gli alveoli per azione dell’ossitocina. Il latte secreto dagli adenomeri ghiandolari viene versato nei condotti alveolari, che fanno capo ai condotti lobulari e interlobulari. Questi ultimi confluiscono nel seno lattifero che è situato alla base del capezzolo.
Il corpo ghiandolare della mammella può essere formato, a seconda delle specie, da una o più ghiandole mammarie indipendenti. Nei Ruminanti, la mammella è semplice perchè costituita un corpo ghiandolare e da un unico seno lattifero che si continua con un singolo dotto papillare.

Mammella della vacca


Organizzazione della mammella della vacca

a- mammella semplice b- mammella composta

a- mammella semplice b- mammella composta


Struttura della mammella


Secrezione del latte


Secrezione del latte

Il primo latte prodotto dalla mammella subito dopo il parto prende il nome di colostro. E’ un latte particolare in quanto è ricco di gammaglobuline, indispensabili per aumentare le difese del neonato. La secrezione del colostro dura per una decina di giorni.
La mammella è un organo molto vascolarizzato in quanto il le cellule secernenti si approvigionano direttamente dai vasi sanguigni.


Note comparative

- Equini: le mammelle, una coppia, sono localizzate in posizione inguinale. Sono mammelle composte
- Ruminanti:
- Bovini e Bufali: le mammelle, due coppie, sono localizzate in posizione pubica. Ciascuna mammella o quarto è una mammella semplice
- Ovini e Caprini: le mammelle sono costituite da una sola coppia
- Suini: le mammelle, 5-6 per lato, si distribuiscono dal torace all’inguine, sono mammelle composte
- Carnivori: le mammelle, 4-6 per lato nella cagna e 3-4 nella gatta, di distribuiscono dal torace all’inguine e sono mammelle composte
- Coniglio: le mammelle, 4 per lato, sono composte


  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion