Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Medicina Veterinaria
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Giovanni Vesce » 15.Anestesia inalatoria: assorbimento degli anestetici inalatori, intubazione endotracheale, maschere e camere anestetiche


Assorbimento degli anestetici inalatori

L’assorbimento degli anestetici volatili e gassosi si verifica per “gradienti di concentrazione”.

Gradienti di concentrazione:

  • Miscela anestetica inspirata > / = concentrazione alveolare
  • Concentrazione alveolare > concentrazione plasmatica
  • Concentrazione plasmatica > tessuti altamente perfusi (cervello, cuore, rene, fegato…)
  • Tessuti altamente perfusi > concentrazione nel tessuto muscolare > ossa > grasso ….

Effetto anestetico

La profondità dell’anestesia inalatoria è determinata dalla pressione parziale (%) dell’agente anestetico nel cervello (SNC)

Fattori che condizionano la press. parziale dell’anestetico nel cervello

INDUZIONE:

  • A) Concentrazione Anestetica
  • B) Solubilità
  • C) Ventilazione
  • D) Gittata Cardiaca
  • E) Effetto del “Secondo Gas”

Induzione

Concentrazione Anestetica

Maggiore la Concentrazione Anestetica, più rapida l’induzione (+ gradiente). Impiegare concentrazioni più alte durante l’induzione!

Solubilità

Maggiore la solubilità, più lenta l’induzione ed il risveglio (maggiore deposito nei tessuti). Impiegare anestetici relativamente insolubili (N2O, Isoflurano, Alotano)!

Ventilazione

Maggiore è la ventilazione, più rapidi sono l’induzione ed il risveglio (ricambio della miscela). Impiegare la ventilazione assistita!

Gittata Cardiaca

Maggiore è la gittata cardiaca, più lente sono l’induzione e il risveglio (minore gradiente). Evitare i pazienti eccitati!

Effetto del secondo Gas

Alte concentrazioni di un gas insolubile (N2O) concentrano il primo agente aumentandone la pressione parziale a livello alveolare.

Risveglio

A, B, C, D funzionano in senso opposto, tuttavia la Concentrazione Anestetica non può mai essere minore di zero!

Impiegare 100% O2 a flussi elevati, ventilare il paziente e lavare il circuito respiratorio (“Flush!”)

Concentrazione Alveolare Minima (MAC)

(MAC 50): La più bassa conc. misurata negli alveoli, utile a prevenire la reazione ad uno stimolo algogeno nel 50% della popolazione di una data specie.

(MAC 95): ……………………… nel 95% …

  • Più alta è la MAC, meno potente è l’anestetico (la dose anestetica è espressa in multipli della MAC)

Fattori che condizionano la MAC di un anestetico:

  • Variazioni inter-specie: (ed intra-specie)
  • Ritmo circadiano: (la MAC aumenta durante i periodi di maggiore attività metabolica)
  • Ipercarbia: (> di 95 mmHg) Deprime il SNC
  • Età: (meno anestetico nei pazienti anziani)
  • Altri Farmaci anestetici: (analgesici e sedativi abbassano il valore della MAC) MONITORAGGIO DELL’EFFICIENZA DELLE PROCEDURE ANTI – INQUINAMENTO

Intubazione Endotracheale

Indicazioni

  1. Riduzione dello spazio morto
  2. Pervietà della via aerea
  3. Migliore somministrazione degli anestetici volatili
  4. Controllo della ventilazione
    • Rianimazione cardiopolmonare
    • Terapia dell’edema polmonare acuto

Attrezzature

Tubi endotracheali

  • di Magill = con cuffia
    • in latex
    • in PVC
  • Di Cole = senza cuffia
  • Armati = Rinforzati

Vantaggi dei tubi in PVC

  • Lume di > calibro
  • Cuffia:
    • Ampia superficie
    • Bassa pressione
  • Igiene
  • Lunga permanenza

Raccordi da 15 mm


Intubazione

  • Momento critico:
    • Via aerea
    • Riflessi autonomi
    • Profondità anestetica
  • Attrezzatura pronta e controllata
  • Lubrificare il tubo
  • Fissarlo allo scheletro

Attrezzature

Lama Mc Intosh (curva)

Lama Mc Intosh (curva)

Lama Foregger (retta)

Lama Foregger (retta)


Tecniche

1) Visualizzazione diretta

  • Cani
  • Gatti
  • Suini
  • Ovini e Caprini
Intubazione gatto

Intubazione gatto


Tecniche

2) Palpazione (Bovini)

3) Auscultazione (Equini)


Complicanze

  • Trauma (ripetuti tentativi)
  • Intubazione esofagea
  • Riflessi sulla respirazione (Laringo Bronco-spasmo)
  • Riflessi sul cuore (C.V.P. – Arrresto Vagale)
  • Estubazione (Laringospasmo)

Maschere Anestetiche

  • Animali = intolleranza ..
  • Maschere anatomiche = efficienza
  • Spazio morto meccanico = + + + CO2
  • Concentrazione anestetica = diluizione

Produttori

  • “Omheda Vet. Supplies”
  • Dragher Vet.
  • ………. “Autocostruite”
  • bottiglie
  • flaconi
  • siringhe

Indicazioni

  • Induzione dei pazienti depressi o comatosi
  • Ossigenoterapia e mantenimento “in condizioni speciali”

Specie

Ideale nell’uomo e nei soggetti cooperativi! (giovani e vecchi).

Piccoli animali, roditori, Puledri.


Induzione

Vantaggi:

  1. No induzione parenterale
  2. Depressione anestetica dosata gradualmente (Induzione controllabile respiro per respiro)
  3. Preossigenazione del paziente e O2 al 100%
  4. Effetto del secondo gas (N2O)

Svantaggi:

  1. Applicabile solo a pazienti depressi o debilitati
  2. Apnea, laringospasmo, eccitazione
  3. Induzione lenta, delirio del secondo stadio
  4. Stimoli esterni inducono risposte esagerate

Camere anestetiche

Flusso dei gas proporzionale al volume della camera (20 lt. – 10 lt.= paziente = 10 lt.)

  • flusso = 5lt./min = completo ricambio ogni 120”
  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion