Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Giovanni Vesce » 4.Preanestesia: visita pre-anestetica, medicazione pre-anestetica


I tempi dell’anestesia

Gestione di un caso clinico

  1. Approccio al caso (visita pre-anestetica: “strategia”)
  2. Premedicazione
  3. Terapia del dolore (peri-intra-post-operatoria)
  4. Induzione
  5. Mantenimento
  6. Risveglio
  7. Terapia post – operatoria (analgesica, antibiotica, antinfiammatoria …)
  8. Cure post – operatorie (immobilità, alimentazione, ricovero……)

Visita pre – anestetica

“Esame clinico del paziente” e valutazione del “grado di rischio anestesiologico” (classe ASA)

Indicazioni dell’anestesia

  • Chirurgia?
  • Esami strumentali?
  • Esame clinico?
  • Contenimento farmacologico?
  • Cattura di animali selvaggi o non addomesticati

Anamnesi

  • Remota ( pregresse malattie)
  • Prossima (gravidanza, stomaco pieno,…)
  • Grandi funzioni organiche (alterazioni)
  • Terapie in atto (esteri fosforici, aminoglicosidi, digitale, insulina)
  • Precedenti anestesie …
  • Annotare in cartella!!!

Segnalamento

  • Specie
  • Razza
  • Sesso
  • Età
  • Lavoro
  • Mantello
  • Peso (gm)

E. O. G.

  • Sviluppo scheletrico
  • Stato di nutrizione
  • Stato di idratazione
  • Stato del sensorio
  • Temperamento

Rilievi oggettivi

T. P. R.

  • Temperatura
  • Frequenza cardiaca
  • Frequenza respiratoria

Mucose apparenti

  • Colore, caratteri
  • T.R.C.

E. O. P. :

  • Apparato respiratorio
    • + X grafie, esami funzionali…
  • Apparato cardio-circolatorio
    • + ECG, eco., X grafie, esami funzionali…
  • S.N.C. (valutazione neurologica)

Vie aeree

  • Struttura
  • Pervietà
  • Affezioni
  • Disponibilità

Analisi cliniche

  • Ematocrito ! ! ! (sempre)
  • Emocromo completo
  • Funzionalità renale
  • Funzionalità epatica
  • Quadro S. Proteico
  • Esami speciali (elettroliti, emogas, …)
Lettura ematocrito
Inserimento catetere endovenoso

Valutazione dell’intervento

  • Invasivo?
  • Sede?
  • Durata?
  • Innervazione?
  • Emorragie ?

Classi di Rischio (1-5) Anestesiologico ASA

American Society of Anesthesiologists (1964)

Basato sull’esame clinico e sulle indagini collaterali, l’attribuzione dello “status ASA” (classe di rischio) è un dovere!

  • Esprime la prognosi anestesiologica
  • E’ influenzata dall’esperienza dei clinici

1a Classe di Rischio

Animali che non presentano malattie organiche, o con malattie localizzate e senza ripercussione sistemiche.

Chirurgia elettiva, O.Ist., Castrazione, …

2a Classe di Rischio

Animali con lievi o modici disturbi sistemici, associati o non al problema chirurgico e che alterano poco l’attività normale e l’equilibrio fisiologico generale

Situazioni clinicamente non rilevabili: es.

Lieve disidratazione, obesità, soggetti con fratture semplici, tumori cutanei, …

3a Classe di Rischio

Animali con lievi o modici disturbi sistemici, associati o non al problema chirurgico, che interferiscono con la normale attività del paziente:

Febbre, anemia, ipovolemia, cachessia, nefrite compensata, insufficienza valvolare …

4a Classe di Rischio

Animali con gravi disturbi sistemici, associati o non al problema chirurgico, che interferiscono seriamente con la normale attività del soggetto e che costituiscono una minaccia di vita.

  1. Il soggetto non è in grado di compensare il problema.
  2. L’intervento è indicato per salvargli la vita. es.

Torsione gastrica, rottura della vescica, strozzamento erniario, uremia, tossiemia, grave anemia…

5a Classe di Rischio

Animali moribondi…

Animali moribondi…


Scelta della tecnica anestesiologica

  • Sedazione
  • Analgesia (loco-regionale, sistemica …)
  • T.I.V.A.
  • A. inalatoria
  • A. bilanciata
  • Ventilazione controllata
  • Risveglio (rischi connessi)

Scelta delle soluzioni infusionali

  • Cristalloidi
  • Collodi
  • Plasma
  • Sangue intero
Lettura proteine totali

Lettura proteine totali


Medicazione pre-anestetica

  • Preanestesia
  • Premedicazione
  • Sedazione

Indicazioni

  1. Ridurre paura e apprensione
  2. Ridurre il dolore
  3. Facilitare l’induzione
  4. In aggiunta all’anestesia regionale
  5. Minimizzare effetti indesiderati
  6. Potenziare gli anestetici generali
  7. Rendere il risveglio graduale

Dosaggio dei Farmaci

  • Peso
  • Sensorio
  • Aggressività
  • Anemia
  • Idratazione
  • Patologie in atto
  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion