Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Silvana Cavella » 34.Estrazione solido-liquido: Principi teorici


Definizione e obiettivi

  • L’estrazione solido-liquido è un’operazione che consente la separazione di uno o più componenti presenti in una fase solida per mezzo di una fase liquida o solvente.
  • Gli obiettivi di questa operazione possono essere quelli di eliminare dalla fase solida un componente indesiderato (lavaggio); o di allontanare da una fase solida un componente di interesse (lisciviazione).
  • Esempi di applicazione di questa operazione in campo alimentare sono l’estrazione di: zucchero da barbabietole; oli vegetali da semi, oli essenziali da piante officinali; idrocolloidi da alghe, caffeina e teina da caffè e da tè.

Principi teorici generali

  • I principali fenomeni coinvolti nell’operazione di estrazione sono: la diffusione del solvente all’interno della matrice, la dissoluzione del soluto nel solvente, la diffusione del soluto all’interno della fase solida e, successivamente, dalla superficie della matrice all’interno della fase liquida.
  • La velocità con cui procede l’estrazione dipende dal fenomeno più lento che è, generalmente la diffusione.

Solubilità

  • La più alta concentrazione di soluto raggiunta nell’estratto uscente da un estrattore è la concentrazione di saturazione.
  • Quindi, il rapporto solvente/soluto deve essere sufficientemente alto così che quando il solvente entra in contatto con la matrice, la concentrazione della soluzione all’equilibrio è al di sotto della concentrazione di saturazione.

Equilibrio

  • Quando il rapporto solvente/soluto è adeguato a soddisfare la solubilità del soluto, l’equilibrio è una condizione per la quale la concentrazione del soluto nella fase solida e la concentrazione del soluto nella fase liquida sono uguali.
  • Un estrattore ideale è quello per il quale si raggiungono condizioni di equilibrio, per esso l’efficienza è 100%.

Scelta del solvente

  • L’estrazione è influenzata dalle proprietà diffusive del solvente e del soluto.
  • Il solvente deve essere a basso peso molecolare, bassa viscosità , selettivo, non deve aggredire la matrice e non deve essere corrosivo per l’impianto.
  • La fase solida è ridotta in piccole dimensioni tali da accorciare i tempi di contatto ma da non aumentare troppo la resistenza al flusso del solvente.

Prossima lezione

Estrazione solido-liquido: Dimensionamento di un estrattore a singolo stadio

  • Sistema di estrazione a singolo stadio in discontinuo
  • Modellazione matematica di un estrattore a singolo stadio
  • Sistema di estrazione a stadi multipli

Le lezioni del Corso

I materiali di supporto della lezione

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion