Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Mauro Sciarelli » 16.La logistica e le tecniche di gestione delle scorte


Obiettivi e struttura della lezione

Introdurre la funzione logistica ed applicare alcune tecniche alla gestione dell’approvvigionamento delle scorte dei materiali.
Struttura della lezione:

  • Il processo logistico
  • La funzione di approvvigionamento
  • La gestione delle scorte di materie
  • Tecnica delle scorte separate
  • Tecnica del ciclo di ordinazione
  • Applicazione aziendale
  • Esercizio

Il processo logistico I

La logistica è il sistema di connessione tra l’approvvigionamento di materiali (logistica in entrata), la trasformazione produttiva ed il collocamento dei prodotti realizzati (logistica in uscita).


Il processo logistico II

Una razionale gestione della logistica aziendale mira al conseguimento del migliore equilibrio tra costo logistico e standard di servizio reso ai clienti interni ed esterni.


La funzione di approvvigionamento

  • Definizione – processo di acquisto e gestione delle scorte dei materiali diretti all’alimentazione dei cicli di lavorazione.
  • Obiettivi – assicurare l’economicità della funzione degli acquisti e preservare la continuità dei cicli di lavorazione.

La matrice degli acquisti (di Kraljic)

Il processo di approvvigionamento è legato alla criticità dei materiali da acquistare e all’impatto economico sul costo del prodotto. Si possono pertanto classificare i prodotti attraverso una matrice.


Le logiche di gestione dei materiali


I termini del problema di gestione

Perché accumulare scorte?

  • Tutelarsi da incertezze nel mercato della fornitura;
  • Conseguire economie di acquisto;
  • Crearsi degli “ammortizzatori” nei rapporti con i fornitori;
  • Garantire continuità al processo operativo.

Il problema di gestione è determinare la quantità da acquistare e la tempistica di approvvigionamento.


La tecnica delle scorte separate (two bin system)

Con la tecnica delle scorte separate la quantità da ordinare (Lotto economico d’acquisto) è quella che minimizza il costo di gestione delle scorte, mentre l’ordine di riapprovvigionamento avviene quando la giacenza del materiale raggiunge una determinata quantità (livello di riordino).

La tecnica delle scorte separate

Il livello di riordino è la quantità al raggiungimento della quale bisogna far partire la procedura di riapprovvigionamento

Modalità di calcolo – Il livello di riordino dipende dal lead time, che risulta da:

  • tempo necessario per spiccare l’ordine;
  • tempo occorrente per l’arrivo della merce;
  • tempo necessario per la effettiva disponibile.

Livello di riordino = consumo medio nel lead time + scorta di sicurezza


Il costo complessivo di gestione delle scorte

Il costo di gestione delle scorte è dato dalla sommatoria del costo di mantenimento (Cm) e del costo di ordinazione (Co)

Cm = costo unitario in % di conservazione ( c) * costo di acquisto unitario * giacenza media (Q/2)

Co = costo di un’ordinazione (K) * numero di ordinazioni (F/Q dove F= fabbisogno complessivo e Q= quantità ordinata)


La tecnica delle scorte separate

Il lotto economico d’acquisto è pari alla quantità Q che minimizza la funzione del costo di gestione delle scorte.

Si calcola come radice quadrata di 2 volte il fabbisogno complessivo (F) per il costo di un’ordinazione (K) diviso il prodotto del costo unitario di conservazione (c) per il prezzo di acquisto di un’unità di merce (a)


La tecnica del ciclo di ordinazione

Con la tecnica del ciclo di ordinazione, invece, l’intervallo di riapprovvigionamento è costante, mentre la quantità da ordinare dipende dalla differenza tra una scorta ottimale e la giacenza del materiale al momento di spiccare l’ordine.


Flow control

Nelle tecniche di Flow Control, la gestione a flusso parte dalla programmazione della produzione e, sulla base delle relazioni tra il prodotto ed i suoi componenti, determina il fabbisogno di questi ultimi a partire dalle quantità di output programmate.

Applicazione aziendale

FRESCO MAGIC s.r.l.

  • nasce a Modena nel 1973;
  • produce ventilatori a pale;
  • in gamma presenta:
    • ventilatori da tavolo;
    • ventilatori da soffitto;
    • ventilatori con griglia girevole;
  • vende anche all’estero dall’anno 2003.

Applicazione aziendale: la gamma di offerta


Applicazione aziendale I


Applicazione aziendale II


Applicazione aziendale III

  • Fabbisogno annuo (F) = 23.600 unità.
  • Costo di ordinazione (K) = € 21,00.
  • Costo di mantenimento (c) = 5 % costo acquisto.
  • Costo acquisto (a) = € 40,00.
  • Lead time = 2 settimane.

Applicazione aziendale IV


Applicazione aziendale V


Esercizio I

L’azienda Time to time, specializzata nell’assemblaggio di componenti per orologi per una nota azienda, ha deciso di organizzare la gestione del proprio magazzino, con particolare riferimento alle scorte di quadranti, secondo il metodo del two bin system.

Si determini il livello di riordino ed il lotto economico di acquisto in considerazione dei seguenti dati, ipotizzando che:

  • l’anno sia di 52 settimane (non c’è nessun mese di chiusura);
  • la settimana lavorativa sia di cinque giorni;
  • il consumo annuo sia pari a 21.840 quadranti (1 anno = 52 settimane);
  • il costo di un quadrante sia di € 0,60;
  • il costo unitario di conservazione sia del 5%;
  • il costo di una singola ordinazione sia stimato in € 6,30;
  • il tempo necessario per l’invio dell’ordine risulti di 1 g;
  • il tempo necessario per la ricezione della merce risulti di 2 gg;
  • il tempo necessario per il controllo della merce risulti di 2 gg;
  • la scorta di sicurezza sia pari a 600 quadranti.

Esercizio II


Esercizio III


Esercizio IV


I materiali di supporto della lezione

S. Sciarelli – Elementi di Economia e Gestione delle Imprese, Cedam, 2008 - appl. n.4 ( a cura di N. Di Paola), cap.20 §5.

R. Micera, V. Vecchi – Strumenti per la programmazione e il controllo delle decisioni d'impresa, Aracne, 2008, cap.VI.

Vona R., L'impresa di logistica, Cedam, 2004.

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion