Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Giovanni Marino » 9.Da Socrate a Platone. La città contro il relativismo


Socrate e la sofistica

Con i sofisti: dal pensiero cosmologico e quello antropologico.

Contro i sofisti: i fondamenti d’un nuovo ordinamento.

L’approfondimento della soggettività.

La libertà dei sofisti e la libertà socratica.

La ricerca del concetto: la verità oltre ogni dubbio.


L’anima, il dominio delle passioni e la libertà dell’uomo

L’anima è il divino nell’uomo. La cura dell’anima.

L’intellettualismo greco e il concetto cristiano dell’anima

Saggezza e moralità.

Il dominio di se stessi. Ragione, passione, libertà.

Attenzione: l’autocomprensione (socratica) non è, ancora, autodeterminazione, autonomia e dignità dell’uomo. Un lungo percorso, appena agli inizi.

La ricerca delle definizioni: il vero e il giusto

Attenzione: il vero e il giusto. Il vero è il giusto.

La scoperta della definizione.

Ma anche: il giusto non può non essere il vero.

La legge, lo Stato, la sentenza ingiusta

Il concetto socratico di legge. Ancora con i sofisti.

  • L’obbedienza alla legge.
  • L’ingiusta condanna e la fedeltà alla legge.
  • Socrate non evoca un diritto più alto della legge.
  • L’obbedienza alla sentenza ingiusta conferma il valore della legge e dello Stato.
  • La sentenza ingiusta e la legge ingiusta, da Antigone ad Aristotele.

Platone: la dottrina delle idee e le origini del diritto naturale ideale

A partire da Socrate: le idee sono oggetto di un sapere universalmente valido

L’opinione e l’episteme.

Le idee e il mondo sensibile: la partecipazione e l’imitazione.

Le origini d’un diritto naturale ideale.

La validità universale e la conoscenza oggettiva d’un sapere di entità ideali a-priori.

La conoscenza di entità ideali, l’opinione e la volontà.

La questione del giusto. Dio e il Giusto. Il giusto piace a Dio perché è giusto, o è giusto perché piace a Dio?

Variazione: la grande fortuna di questo ‘luogo’ platonico.


Platone, la legge, lo Stato

La dottrina delle idee e l’autoritarismo di Platone.

Chi è in grado di conoscere le idee, e il giusto?

Platone vs. Protagora: solo pochi sanno riconoscere il bene comune.

Il dominio della ragione, e il vero interesse dei deboli.

La coazione al bene.

Come il medico, così il filosofo o i migliori.

H. Welzel: Platone ignora il lato soggettivo della moralità.

Platone, la legge, lo Stato (segue)

La dottrina politica di Platone e il suo tempo.

  • La dottrina del bene e la VII lettera:
    • conoscenza o illuminazione?
  • L’uomo e lo Stato:
    • Lo Stato è un uomo in grande;
    • Con Socrate, oltre Socrate: ragione, valore, istinti;
    • I produttori, i guerrieri, i governanti.
  • La giustizia e l’anima:
    • La massima di giustizia: fare ognuno il suo;
    • La giustizia come giusto rapporto tra gli strati;
    • Ordine, armonia, felicità.

Platone, la legge, lo Stato (segue)

Diritto naturale e natura umana. Dalla natura umana (empirica) dell’uomo, al diritto naturale (valore). Il grande scambio di fatto e valore.
Il vizio, secondo H. Welzel, di tutte le dottrine giusnaturalistiche.

Da dove è partito Platone?

L’ultimo Platone: Le leggi.
Giustizia, eguaglianza numerica, eguaglianza proporzionale.
Non è possibile all’uomo cogliere la vera giustizia.
Il valore della legge nel Politico.
Il valore della legge ne Le leggi.
Il potere del governante e il potere delle leggi.

Le lezioni del Corso

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion