Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Giurisprudenza
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Giovanni Marino » 28.Il ritorno del diritto naturale e la 'giustizia materiale'


Il totalitarismo e la catastrofe della seconda guerra mondiale

Le filosofie della vita e l’esistenzialismo come cultura del totalitarismo.

La catastrofe.

La cultura della catastrofe nel pensiero di Giuseppe Capograssi.

Dopo la catastrofe: il ‘ritorno’ del diritto naturale e il nuovo costituzionalismo.

Giuseppe Capograssi su ‘Alcuni bisogni dell’individuo contemporaneo’.

Cenni sul neogiusnaturalismo italiano.

La vicenda di Carlo Antoni.
Pietro Piovani e l’etica contemporanea.

Il caso Radbruch

Il concetto di diritto nella Rechtsphilosophie del 1932.

La realizzazione e la posizione del diritto.
Il relativismo (neokantiano) dei valori e il rifiuto d’ogni forma di diritto naturale.
Il diritto naturale è non conoscibile.

Radbruch 1947.

La formula di Radbruch.

La giustizia e il diritto: la legge ingiusta.

La legge ingiusta non obbliga.

I nuovi, antichi, compiti della scienza del diritto.

La scienza giuridica secondo il positivismo ha diseducato i giuristi dal pensiero della giustizia.

L’etica materiale dei valori di Max Scheler e Nicolai Hartmann

L’urgenza di principi giuridici materiali.

Una sfera assoluta di valori. Tra Kant e Husserl.

L’essenza ideale dei valori.

I valori e le idee platoniche.

L’apparenza di una relatività assiologica.

L’esperienza storica e i valori.

Max Scheler: la struttura gerarchica dei valori.

Nicolai Hartmann: l’intensità dei valori.

L’etica materiale dei valori e la ‘giustizia materiale’ di Welzel

La portata autentica, secondo Welzel, della materialità dei valori di Scheler e Hartmann.

‘Materiali’, solo con riguardo al formalismo dell’etica kantiana.

La bontà dell’atto e il bene.

La dimensione soggettiva e quella oggettiva.

La Favola assiologica dei beni e dei contenuti di N. Hartmann e il valore morale dell’atto.

Possesso e proprietà.
I c.d. gradi della socialità, come più ampia classe dei beni.

Welzel: la materia etica e i rapporti interindividuali dell’uomo ente sociale.

La giustizia materiale e i rapporti vivi con gli altri uomini.

Heidegger: nessuno muore per un semplice valore.

Ma – con Welzel – nemmeno per l’Essere.

La teologia cattolica del diritto naturale (in Germania)

La ripresa del tema della ‘ natura dell’uomo’.

La teologia cattolica e la interrotta tradizione del diritto naturale.

H. Rommen: “L’eterno ritorno del diritto di natura”.

Il diritto naturale come cornice.

La nuova pervasività del diritto naturale: J.Fuchs.

Sono di diritto naturale i principi primi, le conseguenze prossime e le decisioni concrete.

Come, secondo Fuchs, un tale diritto naturale può essere conosciuto?

La conoscibilità naturale del diritto naturale.
La consistenza empirica dell’uomo e la sua essenza metafisica.

La rivelazione e l’insegnamento della Chiesa.

Il diritto naturale della teologia protestante

Emil Brunner e la giustizia.

L’ordine divino della creazione.
Dall’ordine del creato ai criteri assiologici della condotta sociale.

La generazione e la famiglia.

Il debole e il forte.

K. Barth, E. Wolf, J. Ellul: ancora sul diritto naturale e la teologia protestante.

La natura corrotta e l’incontro esistenziale con Cristo.

La giustizia, la Rivelazione, la Scrittura, la Chiesa.

Il diritto naturale e la giurisprudenza superiore tedesca

Fu solo un episodio?

Il Presidente Weinkauff e le sue sentenze.

L’ordinamento precostituito dei valori e il commercio del sesso.

La famiglia: la donna, verso l’interno; il maschio, verso l’esterno. Il capo della famiglia.

La disapprovazione del suicidio.

La mutua assistenza.

L’ordine visibile dei valori e l’intimo sentimento di certezza.

Restaurazione del diritto naturale e restaurazione politica.

Alla fine: Welzel e la ‘giustizia materiale’.

Da Kant: a quale riva fermarsi? che cosa resta del diritto naturale?

L’esigenza del dritto naturale e la filosofia del diritto: l’essere incondizionatamente obbligati.

Welzel: l’uomo è un essere aperto alla trascendenza.
E ne viene:

Il volere obbligante.
La persona responsabile.
La legalità dell’agire etico-sociale.
La concordanza degli ordinamenti etico-sociali.

Alla fine: Welzel e la ‘giustizia materiale’ (segue)

Ancora una volta: il vizio d’ogni svolgimento del ‘conforme a natura’.

L’appello alla natura è strumento di lotta.

I principi di vita in comune e le istituzioni.

L’etica, la morale, il diritto: il minimo (o il massimo) etico.

Il diritto e la forza. Ma la forza non è mai il diritto.

Le lezioni del Corso

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion